Facebook testa una funzione per dare maggiori informazioni sugli editori che pubblicano articoli

Facebook starebbe testando una funzione per fornire più informazioni sugli editori che pubblicano articoli, tutto nel tentativo di combattere le fake news.

Facebook: Mark Zuckerberg, Donald Trump e Vladimir Putin

Facebook starebbe lavorando ad un'altra funzione per cercare di ridurre il fenomeno delle fake news e della disinformazione sulla piattaforma. Questa nuova feature, in pratica, ci mostrerà informazioni aggiuntive sugli editori che pubblicano articoli sul social network. Quando nel News Feed verrà condiviso il link di un articolo, ecco che ora comparirà un piccolo pulsante "i". Cliccandoci sopra, verranno fornite informazioni aggiuntive sull'editore e sull'articolo. Per esempio, fra le informazioni potremo trovare dati provenienti dalla pagina Wikipedia di quell'editore, un link per seguire i suoi post su Facebook, Trend e articoli relativi al medesimo argomento e anche una grafica su dove e come quell'articolo viene condiviso su Facebook. Se nessuna di queste informazioni sarà disponibile, ecco che Facebook lo dirà esplicitamente.

Facebook combatte le fake news con maggiori informazioni sugli editori

Lo scopo è chiaro: se, per esempio, non esiste nessuna pagina Wikipedia di quell'editore, questo potrebbe significare che non si tratta, magari, di una fonte affidabile. Facebook ha ormai accettato il ruolo involontario avuto nell'influenzare le elezioni presidenziali negli Stati Uniti nel 2016 e quindi adesso sta facendo di tutto per ridurre la piaga della false notizie e della disinformazione.

Sta addestrando i suoi algoritmi a dare meno importanza alle fake news e agli articoli che si basano sul click-baiting, ha tagliato le entrate pubblicitarie dei siti di fake news e ha anche bloccato le pubblicità create da pagine che condividono post di disinformazione. Ha poi aumentato il controllo sugli articoli e propone articoli correlati che trattano quell'argomento di tendenza

Questo pulsante "i" è solo l'inizio per Facebook: "Continueremo ad ascoltare i feedback degli utenti e a lavorare con gli editori per fornire alle persone un accesso facile alle informazioni contestuali che aiutano gli utenti a decidere quali storie sono da leggere, condividere e sono degne di fiducia, migliorando l'esperienza utente su Facebook".

Via | Engadget

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail