Kaspersky denuncia Microsoft all'Antitrust a causa di Windows Defender

Kaspersky ha deciso di denunciare all'Antitrust la Microsoft per il modo in cui sta spingendo Windows Defender in Windows 10 a discapito degli altri software antivirus.

kaspersky

Kaspersky vs Microsoft - Piccoli problemi nel mondo degli antivirus. Kaspersky ha infatti denunciato all'Antitrust europeo la Microsoft: tutta colpa di come Microsoft sta spingendo l'uso di Windows Defender soprattutto in Windows 10. Kaspersky sostiene che Microsoft stia utilizzando la propria posizione predominante con Windows per spingere in maniera non corretta Windows Defender, il suo software antivirus, danneggiando così i prodotti concorrenti. A seguito di una prima denuncia con il servizio russo Federal Antimonopoly (FAS), Microsoft ha modificato un po' la sua politica, ma non abbastanza per soddisfare Kaspersky che ha fatto nuovamente ricorso con la Commissione Europea e il German Federal Cartel Office.

Perché Kaspersky ha denunciato la Microsoft?

Eugene Kaspersky ha così spiegato: "Microsoft utilizza la propria posizione dominante nel mercato del sistema operativo (OS) per diffondere con forza il proprio software di sicurezza (Windows Defender) a scapito di soluzioni di sicurezza precedentemente scelte dagli utenti". Kaspersky ha infatti fatto notare come Microsoft rimuova Kaspersky quando gli utenti eseguono l'aggiornamento a Windows 10, sostituendo così l'antivirus prescelto dagli utenti con il suo Windows Defender.

Inoltre Kaspersky ritiene che Microsoft non fornisca abbastanza tempo per verificare totalmente gli ultimi aggiornamenti di Windows 10, cosa che rende difficile assicurarsi che il software esistente sia compatibile. Se è vero che Microsoft nel corso del tempo ha migliorato Windows Defender e che la sostituzione forzata viene giustificata col fatto che si cerchi di proteggere al meglio gli utenti di Windows, quelli di Kaspersky sostengono invece che si tratti di una mossa anti-competitiva: "Vogliamo che Microsoft smetta di ingannare e disinformare i nostri utenti, anzi, non solo i nostri utenti. Vogliamo che tutte le soluzioni a difesa della sicurezza siano in grado di lavorare su Windows". Dal canto loro quelli di Microsoft pensano di rispettare del tutto le norme sulla concorrenza e sostengono di aver chiesto a tal proposito un incontro con quelli di Kaspersky mesi fa, incontro che non è ancora avvenuto.

Via | The Verge

Foto | davidorban

  • shares
  • Mail