Windows 10 S: la nuova versione non ci permetterà di usare Google come motore di ricerca predefinito

Sembra che la nuova versione leggera di Windows 10 S non consentirà agli utenti di selezionare Google come motore di ricerca predefinito. Microsoft, stai scherzando?

disperazione

Windows 10 S - Microsoft ha da poco lanciato una nuova variante più leggera di Windows 10, chiamata Windows 10 S. Ebbene, dalle FAQ di questa nuova versione emergono un paio di dati inquietanti. La prima cosa che si nota è che il web browser di default del nuovo sistema operativo sarà Edge. Il che è una cosa nota in quanto ciò che rende Windows 10 S "leggero" è il fatto di eseguire solamente applicazioni provenienti dall'app store di Windows. E in questo momento nessun altro browser importante è presente nello store. Quello che nessuno però aveva specificato finora è il fatto che né Edge né Internet Explorer vi permetteranno di modificare il motore di ricerca predefinito in Windows 10 S. Come spiegato da LaptopMag, questo vuol dire che se userete Windows 10 S al posto della versione normale di Windows 10, sulla barra degli indirizzi vi ritroverete per forza Bing come motore di ricerca senza alcuna possibilità di passare a Google, DuckDuckGo o gli altri concorrenti. A meno di non andare direttamente nei rispettivi siti web.

Su Microsoft Windows S dite addio a Google come motore di ricerca predefinito

Con la versione regolare di Windows 10 è possibile modificare il motore di ricerca predefinito, togliendo Bing e mettendo quello che preferiamo. Con Windows 10 S no. Un'altra pagina delle FAQ, poi, fa notare che se anche si è in grado di scaricare un altro browser dall'archivio app di Windows, Edge rimarrà comunque quello predefinito quando si apre un file .htm. In altre parole, quando si apre per esempio un link da una email o un'applicazione di chat, il collegamento verrà aperto ogni volta in Edge.

Probabilmente Microsoft avrà le sue ragione per queste restrizioni, l'idea di base di Windows 10 S è quella di vendere un prodotto sicuro e semplice, particolarmente adatto alle scuole. E il modo più facile per realizzare ciò è fare in modo che possa controllare direttamente il sistema operativo. Tuttavia per gli utenti potrebbe non essere un bene: in questo modo ci si allontana dalla flessibilità di cui si vanta la versione regolare di Windows 10.

Inoltre consideriamo che a livello di SEO e siti web, tutti si affidano alla ricerca di Google, non certo a quella di Bing. A questo punto come rimediare? Semplice: o non usate Windows 10 S se possibile o aspettate che prima o poi Google e Mozilla portino Chrome e Firefox nell'app store di Windows o create un scorciatoia su desktop per Google Search.

Via | BusinessInsider

Foto | braiu_74

  • shares
  • Mail