Google è la prima azienda straniera a portare Internet a Cuba

A più di un anno dall’avvio del disgelo tra Stati Uniti e Cuba, con piccoli passi fatti da entrambe le parti, Google è a tutti gli effetti la prima azienda non locale ad essere sbarcata a Cuba per portare la connessione internet a tutti i cittadini in collaborazione con la compagnia nazionale delle telecomunicazioni, ETECSA.

L’accordo risale allo scorso dicembre, ma in queste ore il servizio è stato attivato. Già nel 2014 Google aveva iniziato questo percorso rendendo disponibile il proprio browser Chrome per i cittadini cubani attraverso il sito google.com.cu.

Ora, invece, sono proprio i server di Google a Cuba, parte nel network globale Google Global Cache (GGC) che memorizza i contenuti più popolari su server locali al fine di permetterne un rapido accesso agli utenti - e questa mossa dovrebbe segnare uno dei primi passi di una rivoluzione digitale che porterà internet a quante più persone possibili.

Al momento i cittadini di Cuba hanno la possibilità di collegarsi ad internet attraverso 240 punti wi-fi pubblici disseminati nel Paese, ma il costo è ancora proibitivo: circa 1,50 dollari all’ora, una cifra davvero alta considerando che lo stipendio medio locale è di 25 dollari al mese.

Da oggi, anche grazie a Google, qualcosa sta iniziando a cambiare.

HAVANA, CUBA - MARCH 25:  The exterior of a studio that Google and Alexis Leiva Machado, a Cuban sculptor known as Kcho, is seen where the technology company and artist have teamed up to bring high speed internet and computers to a small studio space  on March 25, 2016 in Havana, Cuba.  The project provides the studio space with wi-fi and computers for a limited number of people.  (Photo by Joe Raedle/Getty Images)

  • shares
  • Mail