Google Translate migliorerà le traduzioni con la Neural Machine Translation

Google Translate migliorerà le traduzioni con la Neural Machine Translation, ma non in italiano. Ecco come funzionerà.

google translate

Google Translate migliorerà finalmente le traduzioni, ma non esultate: al momento l'italiano non è previsto. In dieci anni Google Translate è passato dal sostenere poche lingue fino a 103 lingue, aiutando a rompere le barriere linguistiche: adesso grazie alla Neural Machine Translation, la funzione di traduzione sarà ancora migliorata. Questo sistema traduce intere frasi alla volta, piuttosto che un pezzetto dopo l'altro. In questo modo riesce a fare una traduzione in un contesto più ampio, riordinando poi parole e frasi per essere più simile al parlato umano dotato di grammatica corretta.

Google Translate: come funzionerà la nuova traduzione?

In questo modo sarà molto più agevole leggere paragrafi e articoli. Tutto questo è stato reso possibile grazie al sistema di apprendimento end-to-end, alla base della Neural Machine Translation: il sistema impara col passare del tempo a creare traduzioni migliori e più naturali.

Non esultate troppo, però: al momento questo nuovo sistema di traduzione sarà disponibile solamente per otto lingue fra cui manca clamorosamente l'italiano. Le lingue che supporteranno questo sistema sono:

  • inglese
  • francese
  • tedesco
  • spagnolo
  • portoghese
  • cinese
  • giapponese
  • coreano
  • turco

Queste otto lingue rappresentano un terzo delle lingue native di un terzo della popolazione mondiale, il che vuol dire coprire il 35% del lavoro di Google Translate. Sì, va bene, ma il coreano al posto dell'italiano? Non ci resta che attendere visto che Google ha promesso che questo sistema arriverà a funzionare su tutte e 103 le lingue supportate.

Inoltre Google ha anche annunciato che Google Cloud offrirà le API di apprendimento automatico in modo da permettere a tutti di utilizzare questa tecnologia di apprendimento automatico.

Via | Blog di Google

Foto | Screenshot dal blog di Google

  • shares
  • Mail