Russia, gioca a Pokémon Go in chiesa e rischia 5 anni di carcere

Da quando, poco più di un mese fa, Pokémon Go è stato ufficialmente rilasciato si è fatto un gran parlare dei limiti che i giocatori dovrebbero imporsi per rispettare gli ambienti in cui ci si trova e le persone che li circondano. Ne sa qualcosa lo youtuber russo Ruslan Sokolovsky, che rischia una condanna a 5 anni di carcere per aver giocato a Pokémon Go all’interno di una chiesa, nonostante il divieto imposto nell’edificio religioso.

Quella di Sokolovsky è stata una sfida, documentata su YouTube con un video che ha già ottenuto oltre 1 milione di visitatori: il giovane è entrato nella chiesa di Yekaterinburg e si è filmato mentre giocava a Pokémon Go in diverse parti dell’edificio. Lo scorso agosto ha pubblicato il video su YouTube e pochi giorni fa si è ritrovato le autorità in casa.

Le autorità russe avevano già avvisato che giocare in chiesa a Pokémon Go avrebbe potuto portare all’arresto, ma in pochi pensavano che sarebbe accaduto davvero. Sokolovsky è al momento accusato di incitamento all’odio e di aver offeso le sensibilità religiose giocando in chiesa e rischia una condanna a 5 anni di carcere se giudicato colpevole.

Le autorità possono detenere il giovane per un periodo di due mesi in attesa della sentenza.

  • shares
  • Mail