Fiat Chrysler ricompenserà chi trova bug nel software delle sue auto

This picture shows an aseembly line at a Fiat carmaker plant on December 20, 2012 in Melfi, near Potenza. AFP PHOTO / DONATO FASSANO        (Photo credit should read DONATO FASANO,DONATO FASANO/AFP/Getty Images)

A un anno di distanza dall'importante falla trovata nel software della Jeep Cherokee, Fiat corre ai ripari avviando un programma di "bug bounty" per le proprie automobili. La società italiana, madre dell'americana Chrysler, offrirà ricompense fino a 1.500 dollari per coloro i quali comunicheranno le falle trovate sui veicoli.

A gestire il programma sarà la Bugcrowd di San Francisco, già al lavoro in simili programmi per altre case automobilistiche come Tesla Motors. Secondo quanto riportato da Casey Ellis, CEO di Bugcrowd, la società californiana ha attualmente impiegato 32.000 ricercatori attraverso il suo servizio.

Titus Melnyk, senior manager di Fiat Chrysler, ha inoltre annunciato che i bug trovati attraverso il programma di Bugcrowd saranno condivisi con le altre società che operano nel campo, scegliendo così di schierarsi dal lato di "ciò che è giusto per l'industria".

Un anno fa, il bug trovato sulla Jeep Cherokee permetteva a eventuali malintenzionati di usare la connessione wireless dell'automobile per spegnere il suo motore.

Via | Reuters.com

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail