Twitter, la presenza dell’ISIS sul social network è crollata del 45%

fallujah-isis.jpg

La guerra allo Stato Islamico si sta combattendo da mesi anche online, dove i jihadisti dell’ISIS fanno - o provano a fare - attività di propaganda e reclutamento. Twitter è stato a lungo lo strumento più utilizzato per questi scopi, ma ora i dati ufficiali diffusi dal governo statunitense confermano un interessante declino della presenza su Twitter dello Stato Islamico.

Un calo del 45% in questi ultimi due anni, merito non soltanto degli strumenti messi in atto da Twitter per contrastare questo tipo di attività, ma anche - lo spiega il Dipartimento di Stato degli USA - dall’attività di contrasto fatta dall’agenzia governativa Global Engagement Center a partire dal marzo scorso.

Il Global Engagement Center ha iniziato a inondare Twitter di messaggi atti a screditare l’attività di propaganda dell’ISIS, con messaggi di speranza e di denuncia dell’attività criminale del gruppo terroristico scritti in arabo, poi ripresi dagli utenti e da voci credibili nelle comunità locali.

Questa attività è andata di fatto a minare la credibilità e l’efficacia dell’ISIS su Twitter, come spiegato dal capo del GEC Michael Lumpkin:

Stiamo negando all’ISIS l’abilità di operare online in modo indiscusso e stiamo vedendo un declino nella presenza online. Il pubblico anti-ISIS sta acquisendo sempre più voce sui social network e questo non può che indebolire l’abilità dell’ISIS di reclutare nuove persone.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail