Facebook lancia in India nuovi strumenti per prevenire i suicidi

Facebook ha lanciato in India strumenti per prevenire i suicidi: ecco come funziona.

depressione

Facebook ha deciso di lanciare in India nuovi strumenti per la prevenzione dei suicidi. Tutto è cominciato l'anno scorso quando l'attrice Deepika Padukone di Bollywood ha parlato pubblicamente della sua lotta contro la depressione, malattia tabù nel Paese. Adesso Facebook ha deciso di lanciare dei tool di supporto per aiutare gli utenti con tendenze suicide in India, il tutto con la collaborazione di organizzazioni per la salute mentale come Aasra e Live Love Laugh Foundation. I nuovi strumenti saranno messi a disposizione dei 148 milioni di utenti indiani di Facebook e permetteranno alle persone di entrare in contatto direttamente con gli amici in difficoltà o anche segnalando i loro post.

Facebook: come funzionano i nuovi strumenti anti suicidio?

Ankhi Das di Facebook ha così spiegato: "Spesso gli amici e la famiglia, che sono coloro che assistono più da vicino a questo tipo di situazioni, non sanno cosa fare. Sono preoccupati, ma hanno anche paura di dire la cosa sbagliata o di fare qualcosa che peggiori la situazione". Poi ha continuato: "Socialmente parlando, le malattie mentali e il desiderio di suicidarci non è qualcosa di cui discutiamo. Facebook è un luogo dove le persone si connettono e condividono ed una delle cose che abbiamo imparato dai nostri partner accademici è che essere collegati è un fattore protettivo nei confronti del suicidio".

Se ricordate lo scorso febbraio Facebook aveva lanciato alcuni tool di prevenzione suicidio negli Stati Uniti, collaborando anche in quel caso con organizzazioni locali come Forefront, Now Matters Now e National Suicide Prevention Lifeline.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, l'India ha il più alto tasso al mondo di depressione e più suicidi rispetto a qualsiasi altro Paese. Tuttavia in India le discussioni riguardo al suicidio sono tabù. Ecco il perché del lancio di queste nuove funzioni proprio in India. Grazie a questi tool chiunque sia preoccupato della tendenza al suicidio o all'autolesionismo di un amico può segnalare il post a Facebook in modo da essere connessi con professionisti del settore delle patologie mentali o anche in modo da essere connessi direttamente. I post così segnalati vengono controllati da appositi team che danno loro il giusto grado di priorità.

A questo punto Facebook invia all'utente in difficoltà un messaggio pop-up dove gli vengono offerte tre possibilità:

  1. parlare con un amico del problema
  2. contattare un servizio di assistenza e prevenzione dei suicidi
  3. ottenere suggerimenti su come aiutarsi da soli e relative risorse

Inoltre Facebook ha anche introdotto la guida Help A Friend In Need Guide che fornisce utili strumenti alle persone per permettere loro di identificare i primi segnali di stress emotivo o rischio suicidio, con anche consigli su come essere aiutati.

Via | Mashable

Foto | 120632374@N07

  • shares
  • Mail