Spotify lancia la playlist Pulse per le vittime della sparatoria di Orlando

A quanto sembra Spotify ha creato una playlist in memoria delle vittime della sparatoria di Orlando.

spotify playlist

Spotify ha deciso di creare una playlist in memoria delle vittime della sparatoria di Orlando e per offrire il suo sostegno alla comunità colpita da tale tragedia. La playlist in questione di chiama chiama Pulse (come il locale gay di Orlando dove è avvenuta la sparatoria) e include una foto con la bandiera arcobaleno e il seguente messaggio: "Our hearts are with Orlando and the LGBTQ community. Support victims of Pulse here. #WeAreOrlando" (I nostri cuori sono con Orlando e con la comunità LGBTQ. Supportiamo le vittime del Pulse qui. #WeAreOrlando). Se si segue poi il link ecco che si arriva alla campagna di raccolta fondi GoFundMe per le vittime della sparatoria.

Spotify ha creato una playlist in memoria delle vittime della sparatoria di Orlando

La playlist Pulse di Spotify comprende 40 canzoni e dura più o meno due ore e mezza. In essa troverete canzoni come Imagine di John Lennon, What’s Going On di Marvin Gaye e Respect di Aretha Franklin. Questa playlist è stata creata da un membro del team di Spotify che si occupa della cura delle playlist e vanta già più di 10.000 follower. L'unica cosa di cui alcuni utenti si sono però lamentati è che se non avete Spotify Premium ogni tanto fra le canzoni compaiono gli annunci pubblicitari, ma pazienza.

Un portavoce di Spotify ha così spiegato in un comunicato stampa a Gizmodo: "Pulse è la musica, la danza e il riunire le persone. Così abbiamo voluto creare insieme una playlist per rendere omaggio e offrire solidarietà alla comunità LGBTQ".

Creare una playlist come risposta a uno dei peggiori episodi di violenza nella storia degli Stati Uniti potrebbe apparire un po' strano, ma non è certo la prima volta che Spotify percorre una strada simile. In occasione degli attentati terroristici di Parigi del novembre scorso aveva creato la playlist Peace.

Via | Gizmodo.com

Foto | Screenshot da Spotify

  • shares
  • Mail