Facebook potrebbe fermare il clickbait grazie al nuovo algoritmo del News Feed

Un nuovo algoritmo del News Feed di Facebook potrebbe finalmente fermare il fenomeno del clickbait.

facebook

Facebook ha deciso di bloccare una volta per tutte la piaga del clickbait e lo fa modificando ancora una volta l'algoritmo del News Feed. Nel corso del mese di giugno dello scorso anno, Facebook aveva annunciato che avrebbe cominciato a mostrare agli utenti più contenuti potenzialmente interessanti per loro basandosi sul tempo trascorso nella lettura di un post e valutando se si cliccava per accedere al contenuto ad esso collegato. Adesso Facebook ha deciso di dare una nuova spinta a questa sua missione che consiste nel farci vedere contenuti più interessanti nel News Feed e ha apportato due sostanziali modifiche all'algoritmo che regola il News Feed.

Facebook cambia l'algoritmo del News Feed per combattere il clickbait

Sono due le modifiche apportate da Facebook relative all'algoritmo del News Feed:

  1. il tempo trascorso durante la visualizzazione del post
  2. la varietà di post presenti sulla Pagina

La prima modifica è un tentativo di eliminare i post dedicati al clickbait e i contenuti inappropriati cercando di dare priorità ai link di qualità. Tale cambiamento per ora sembrerebbe interessare la versione mobile di Facebook e riguarderà sia il tempo di lettura degli Instant Article sia il tempo di lettura di articoli provenienti dal web. Forse in futuro si potrà applicare la medesima procedura anche agli utenti desktop, ma non si è ancora sicuri di questa cosa, manca ancora la conferma di Facebook.

Per quanto riguarda il secondo cambiamento, Facebook ha notato che gli utenti tendono a leggere post provenienti da editori diversi. Per questo motivo gli è venuta l'idea di modificare l'algoritmo basandosi anche sulla varietà di post presenti su una Pagina. L'idea è quella di ridurre la frequenza con cui le persone leggono i contenuti back-to-back o provenienti dalla stessa Pagina. In realtà per la maggior parte delle Pagine questo non è un problema, ma lo sarà per quelle che inviano aggiornamenti troppo frequenti, ogni pochi minuti, in quanto il nuovo algoritmo farà sì che alcuni dei contenuti non saranno visualizzati.

Facebook ha poi voluto rassicurare gli editori: queste due modifiche non porteranno "cambiamenti significativi" al loro traffico.

Via | The Next Web

Foto | chriscorneschi

  • shares
  • Mail