Facebook modifica di nuovo la politica sui nomi reali, ecco come

Facebook ha deciso di modificare di nuovo la politica sui nomi reali, ecco cosa cambia.

Facebook - Torna ancora una volta alla ribalta la politica di Facebook relativa ai nomi reali. Dopo le proteste soprattutto della comunità LGBT, Facebook aveva già tentato di apportare qualche modifica, non soddisfacendo nessuno alla fine. Da una parte abbiamo Facebook che vuole tutelare la sicurezza dei suoi utenti imponendo a tutti di utilizzare solo i nomi reali, ma dall'altro canto abbiamo personaggi e artisti che basano anche il loro lavoro sul nome d'arte. Accontentare tutti sembra essere impossibile, ma Facebook continua a provarci, magari prima o poi ci riuscirà.

Facebook: come cambia la politica relativa ai nomi reali?


Facebook

Facebook di sicuro non abbandonerà la sua politica relativa ai nomi reali, ma ha deciso di sperimentare nuovi strumenti per migliorarla in modo da farla funzionare "per tutti, soprattutto per le varie comunità emarginate o che devono affrontare forme di discriminazione".

A dare l'annuncio sono stati Justin Osofsky e Todd Gage di Facebook tramite un post sul blog. In primo luogo il processo di segnalazione di Facebook richiede ora maggiori informazioni sul perché si stia segnalando quel nome. Prima bastava cliccare un semplice pulsante, adesso bisogna circostanziare la segnalazione. In secondo luogo Facebook sta testando un nuovo strumento affinché le persone possano difendersi e verificare il proprio nome qualora vengano segnalati. Questo vuol dire che se verrete segnalati perché magari state usando un nome diverso per tutelare la vostra privacy per paura di abusi, molestie o stalking, ecco che avrete una settimana di tempo per spiegare la situazione prima che Facebook sospenda l'account.

Facebook ha anche poi ampliato il numero di documenti che è possibile presentare per verificare la propria identità: il social network ha anche promesso che il prossimo anno cercherà di ridurre il numero di persone che saranno costrette a passare attraverso la richiesta di verifica dell'ID.

Via | Techcrunch

Foto | chriscorneschi

  • shares
  • Mail