Snapchat entra nelle notizie in diretta con la sparatoria di San Bernardino

sparatoria-san-bernardino.jpg

Snapchat, il servizio di messaggistica istantanea molto utilizzato dai giovani, ha inaugurato una nuova funzionalità in occasione dell’ultimo tragico evento di cronaca nera in arrivo dagli Stati Uniti, la sparatoria a San Bernardino, costata la vita a 14 persone.

Nei momenti in cui la stampa di tutto il Mondo era concentrata nel raccontare quella tragedia, Snapchat ha lanciato una storia live dedicata proprio alla “Sparatoria in California”: mentre gli utenti condividevano immagini e video in arrivo dal luogo della strage, il team di Snapchat si è preoccupato di selezionare quei contenuti e di metterli a disposizione di tutti gli altri utenti, in questo caso senza farli scomparire dopo pochi secondi.

Non è la prima volta che il team di Snapchat si occupa di coprire un evento in particolare, ma fino a pochi giorni fa era accaduto soltanto con eventi programmati, mai con breaking news come la strage in California.

Le polemiche non sono mancante, tra chi ha accusato il servizio di aver democratizzato le notizie e chi ha mosso critiche per aver affrontato un evento così traumatico in un servizio di messaggistica, ma il perchè di questa scelta è stato ben spiegato da Mary Ritti, VP of Communications di Snapchat:

Abbiamo pubblicato la storia perchè sentivamo che il contenuto, che arriva da una notizia locale di Los Angeles, meritava di essere trattato e poteva avere un valore nazionale. I nostri cuori sono con le vittime e le loro famiglie.

snapchat.jpg

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail