Il futuro dell’intrattenimento sarà come Netflix. Parola di Netflix

Gli utenti di Netflix in Italia potranno portare con sé il loro abbonamento al servizio anche quando si troveranno all’estero.  Se nel Paese che stanno visitando è disponibile Netflix potranno visualizzare in assoluta libertà i contenuti disponibili in quel Paese. Una volta pagato l’abbonamento, insomma, si avrà totale libertà di azione.

Entro i prossimi 10 anni l’intrattenimenti casalingo sarà in streaming e gli utenti non concepiranno altro se non scegliere cosa e quando vedere, esattamente come accade già con Netflix. Ne è sicuro Ted Sarandos, capo dei contenuti del fortunato servizio di streaming, secondo il quale Netflix ci ha visto lungo e ha già una posizione di vantaggio

Entro 10 anni l’intrattenimento sarà fornito interamente su Internet. Sarà fatto di una serie di applicazioni simili a quanto vedete sulle Smart TV. Non credo che arriverà via cavo e non credo che sarà lineare.

L’occasione è stato il New Establishment Summit di Vanity Fair a San Francisco. Sarandos, nell’elogiare Netflix e i suoi 65 milioni di utenti, ha proseguito:

I consumatori stanno cambiando le proprie abitudini. Non è un problema di Netflix. Ogni industria deve fare i conti col cambiamento delle abitudini dei consumatori.

La previsione è assolutamente in linea con la piega che sta prendendo in questi ultimi anni l’intrattenimento domestico, basti vedere il numero di servizio di streaming, legali o meno, che ogni giorno provano a conquistarsi una posizione di rilievo nel già ricco mercato. Non è un caso, infatti, che anche Popcorn Time, “il Netflix dei pirati”, continui a riscuotere un enorme successo.

Via | CNET

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail