Google+ non ammetterà più i profili “privati”: il privato è pubblico

Progetto Google+Google obbligherà gli utenti a rendere pubblici i propri profili partendo dal 31 luglio prossimo: se entro la fine del mese non si adegueranno le impostazioni alla nuova politica, il profilo sarà inevitabilmente cancellato. È una decisione legata al lancio di Google+, tentata con Buzz e subito ritirata (per il malcontento generato).

Chi dispone di un profilo su Google può scegliere di cancellarlo o di escluderlo dai motori di ricerca entro la data prevista. Così facendo, il profilo sarà rimosso e reso definitivamente inaccessibile dal 1 agosto. Gli altri profili resteranno e gli aggiornamenti pubblici di Google+ appariranno nei risultati dei motori di ricerca.

Approfondiamo così un argomento citato parlando della trasformazione di Blogger e Picasa Web Albums in Google Blogs e Google Photos. Gli elementi condivisi con le cerchie, ovvero le liste di utenti create con Google+, non saranno visibili all'esterno. Tutti gli altri raggiungeranno i motori di ricerca: saranno visibili da chiunque.

Via | Search Engine Land

  • shares
  • Mail
31 commenti Aggiorna
Ordina: