Facebook contro Google: il social network prova a discolparsi

Facebook contro Google: il social network prova a discolparsiAvrete sicuramente letto nella giornata di ieri della notizia riguardante il "colpo alle spalle" inferto da Facebook a Google, trasformatosi in un vero e proprio boomerang per il social network fondato da Mark Zuckerberg: l'intera vicenda è infatti uscita allo scoperto, attirando feroci critiche, alle quali Facebook ha provato a rispondere con una dichiarazione ufficiale:

"Nessuna campagna 'diffamatoria' è stata autorizzata o voluta. Invece, avremmo voluto terze parti per verificare che le persone non approvavano la raccolta e l'uso delle informazioni dai loro account su Facebook e altri servizi per l'inclusione in Google Social Circles - proprio come Facebook non approva l'uso o la raccolta per questi scopi. Abbiamo coinvolto Burson-Marsteller per concentrare l'attenzione su questa problematica, usando informazioni pubblicamente disponibili verificabili indipendentemente da ogni organizzazione o analista. Questi problemi sono seri e avremmo dovuto presentarli in modo appropriato e trasparente."

Un po' come dire "abbiamo sbagliato, ma i cattivi rimangono quelli di Google e non noi", non vi pare? Il fatto, ormai accertato, è sicuramente un qualcosa di grave: il rifiuto di comunicare l'identità dell'azienda che ha assunto Burson, nonché l'intero modo di agire dietro le quinte, tentando di apparire solo come vittima, meriteranno sicuramente maggiori chiarimenti da parte di Facebook.

Via | Techcrunch.com

  • shares
  • Mail