Facebook: posta e critica foto di una madre che allatta in pubblico, la donna risponde per le rime

La storia riassunta è questa: donna vede pubblicata senza autorizzazione su Facebook una foto di lei che allatta in pubblico, con tanto di critiche. La donna non ci sta e risponde per le rime all'ignoto utente.

Facebook logo

Facebook - Tutto inizia quando mercoledì una giovane madre è sconvolta dal vedere che su Facebook un perfetto sconosciuto ha scattato una foto di lei mentre allatta pubblicamente il figlio, condividendo lo scatto e commentando con critiche anche umilianti e offensive il fatto che stesse allattando in pubblico. Ovviamente lo scatto è stato pubblicato senza il permesso della donna. La giovane e determinata donna non ha certo fatto cadere l'accaduto nel dimenticatoio: Conner Kendall, questo il suo nome, ha pubblicato in risposta un messaggio sarcastico destinato all'autore della foto. In questo messaggio la donna lo ammonisce per aver invaso la privacy e critica a sua volta le motivazioni dell'utente.

Facebook e la foto della mamma che allatta pubblicata senza il suo consenso

La foto incriminata è stata scattata mentre la Kendall allattava il figlio in pubblico in un ristorante a Terre Haute, Indiana. Da quando la Kendall ha risposto per le rime all'utente, la foto è stata cancellata, ma la Kendall ha fatto degli screenshot dei commenti offensivi dell'uomo prima che questi cancellasse il post.

A questo punto, poi, sulla sua pagina Facebook la Kendall ha pubblicato una lettera di risposta all'uomo. In essa (la potete leggere integralmente su Mashable) la donna prima spiegava la sua versione dei fatti, poi esprimeva il suo shock e disappunto per il fatto che l'uomo avesse non solo scattato, ma anche condiviso la foto senza chiederle il permesso. La Kendall gli ha ricordato che pubblicare foto di minori senza il consenso del tutore legale è un reato e che se ciò fosse accaduto un'altra volta non ci avrebbe pensato due volte a intraprendere azioni legali.

Pare che poi l'uomo tramite un messaggio privato abbia porto le sue scuse insincere, in cui non ha mai ammesso il suo torto, anzi, ha chiesto perché non avesse nutrito il bambino prima di uscire di casa, dimostrando di non sapere nulla di alimentazione dei neonati (cosa strana visto che la Kendall si ricorda di lui e del fatto che stava mangiando nel tavolo vicino a loro insieme alla figlia): se sei lontano da casa cosa fai, torni indietro per allattarlo in casa? Al che l'uomo ha un'idea geniale: andare in macchina o in bagno. La Kendall ha la risposta pronta a tutto: quando anche lui andrà a mangiare in bagno, pure lei andrà ad allattare il figlio in bagno.

Poi si continua, con l'uomo che protesta perché sono stati lesi i suoi diritti: la donna ribatte che se gli dava fastidio, perché continuava a guardarla mentre allattava? Precisiamo anche la Kendall per rispetto degli altri avventori si è girata di lato e che in pratica non si vede nulla di più di quanto si vede al mare quando indossiamo un costume da bagno.

Voi che ne dite? Bisogna sempre fare attenzione a ciò che si condivide su Facebook, un conto è pubblicare foto di gattini e cibo, un conto pubblicare foto di persone a cui non si è chiesto il consenso, specie quando nelle foto sono compresi dei minorenni.

Via | Mashable

Foto | coletivomambembe

  • shares
  • Mail