La Cina risponde a Google riguardo a Gmail

google cina

Il ministro degli esteri cinese ha risposto alle accuse di Google, negando qualsiasi possibilità che Beijing stia interrompendo l'accesso al servizio di posta elettronica Gmail. Jiang Yu, portavoce del ministero, ne ha parlato durante una conferenza stampa dichiarando:

Si tratta di un'accusa inaccettabile.

Per chi non avesse seguito la vicenda, nei giorni scorsi Google ha riportato le difficoltà di alcuni utenti nell'utilizzare Gmail a causa di blocchi imposti dal foverno. Secondo gli utenti, l'interferenza nel servizio è coincisa con una campagna Internet in favore della protesta, come accaduto in Medio Oriente.

Google riporta di non aver avuto alcun problema tecnicno ed ha attribuito la colpa "ad un blocco voluto dal governo accuratamente studiato per sembrare un problema di Gmail". Il tutto si ricollega al cyber attacco subito lo scorso anno da Google da parte di una organizzazione cinese, intenzionata ad entrare nell'account di post di alcuni attivisti per i diritti civili in Cina. Già allora si creò tensione tra la Cina e gli Stati Uniti, portando Google a ridurre la propria presenza sul mercato.

Anche allora Beijing ha negato qualsiasi coinvolgimento nell'attacco.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: