Microsoft si scusa per aver pubblicizzato Bing utilizzando il disastro in Giappone

bing

Qualsiasi grande compagnia ha capito che, per fare del marketing, è necessario passare dai social network. Per ottenere buoni risultati è necessario capire quando è il caso di farlo e quando è consigliabile evitare: sfruttare le conseguenze di un terribile disastro naturale è uno degli errori più eclatanti.

Su queste basi, Microsoft è stata aspramente contestata per aver diffuso su Twitter un messaggio che pubblicizzava il motore di ricerca Bing, utilizzando la tragedia del Giappone per diffondere il proprio prodotto:

How you can #SupportJapan - https://binged.it/fEh7iT. For every retweet, @bing will give $1 to Japan quake victims, up to $100K.



Sotto al tweet appariva anche il claim "Try Bing. A new way to search, explore, & decide", ovvero "prova Bing. Un nuovo modo per cercare, esplorare e decidere". In realtà il link incluso punta alla pagina della compagnia che spiega come aiutare le vittime dello Tsunami. In ogni caso, che si sia trattato di una mossa di marketing calcolata, o semplicemente di una decisione in buona fede male interpretata, il legame tra la donazione di 1 dollaro da parte della società al numero di retweet ha scatenato diverse polemiche.

Ecco alcune delle risposte degli utenti di Twitter:

Se le compagnie vogliono aiutare le vittime del Giappone, che donino soldi quindi. Dire agli utenti di effettuare il retweet equivale ad utilizzare una tragedia per il marketing. @bing

E ancora:

Ah sì, certo. @Bing trasforma il più grosso terremoto registrato a colpire il #Giappone in un'opportunità di marketing. Ottimo lavoro, Microsoft.

Il numero di lamentele è aumentato dopo che il comico Michael Ian Black ha inviato questo messaggio ai propri 1.6 milioni di follower:

How about they just give the money and shut up? RT @Alyssa_Milano For every RT, @bing will give $1 to quake victims, up to $100K

Ovvero: Che ne dite se dessero semplicemente il denaro e stessero zitti?

Microsoft ha reagito e, sette ore dopo, ha inviato le proprie scuse:

Ci scusiamo per il tweet che è stato percepito negativamente. L'intento era quello di fornire un modo semplice alla gente di aiutare il Giappone. Abbiamo donato $100K.

Via | BuzzBlog

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: