L'Egitto sta tornando online

egitto

Il governo egiziano sta ripristinando i servizi Internet nel Paese a partire da oggi, terminando un periodo di shutdown che risulta essere il più lungo mai avvenuto in Egitto. Internet e le linee telefoniche sono state bloccate dalle autorità nel tentativo di placare le infuocate proteste che da giorni sconvolgono il Paese, impedendo ai manifestanti di organizzarsi online.

Una simile censura è servita più a tagliare i contatti tra i cittadini egiziani con le proprie famiglie (aumentando rabbia e senso di impotenza) che a impedire i movimenti di protesta, che sono riusciti comunque ad aggirare l'ostacolo organizzandosi non più in piccoli gruppi sparsi, ma in grandi quantità di persone. Un esempio culmine è stata "l'invasione di piazza" di Martedì scorso al Cairo con 250.000 cittadini.

Il ripristino dei servizi Internet è stato comunicato ufficialmente da Hassan Kabbani, CEO del provider MobiNil. Pian piano la maggior parte dei siti sono tornati raggiungibili, a partire da quello della Central Bank of Egypt e la chat di Facebook. La decisione di tornare alla normalità sembra far parte del tentativo di ripristinare l'ordine dopo l'annuncio di Mubarak: non cercherà la rielezione in autunno. Un portavoce dell'esercito è apparso in televisione chiedendo ai manifestanti di tornare a casa e "riportare la stabilità nel Paese".

Alcuni elementi dell'opposizione egiziana hanno sfruttato strumenti di social networking come Facebook e Twitter per organizzarsi e protestare. Un esempio della partecipazione popolare su Internet sono le 35.000 persone che hanno cliccato su"like" sulla pagina Facebook del movimento 6th of April Youth Movement e Twitter è stato uno strumento di aggiornamento costante della situazione, tanto da essere stato bloccato il 25 Gennaio scorso.

Le compagnie che offrono servizi Internet si sono discolpate dichiarando di non aver possibilità di scelta, se non quella di obbedire agli ordini. Gli Internet provider in Egitto sono circa 12 e fanno capo a società che offrono anche servizi di telefonia come Telecom Egypt. L'Egitto gode della più alta penetrabilità di Internet di tutta l'Africa, con il 21% degli utenti connessi.

[Via Wall Street Journal]

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: