Continuano i saldi: se MySpace fosse in vendita, chi lo comprerebbe?

MySpace

La conseguenza più ovvia alla crisi di MySpace (e ai susseguenti tagli del personale) è la vendita. O, meglio, la "svendita" della società: News Corp., la multinazionale che fa capo a Rupert Murdoch e possiede MySpace, non smentisce le voci di mercato. Sono lontani i tempi in cui poteva permettersi di polemizzare con Google sulla pubblicazione dei contenuti.

Parafrasando l'esclamazione che ha reso famoso Antonio Lubrano: «la domanda sorge spontanea»... a chi potrebbe interessare un social network in caduta libera, che accumula quotidianamente dei debiti e si è fatto carico di illustri acquisizioni come iLike? Forse proprio a Google, ammesso che il progetto Me esista ancora (e a patto di reinvestire dei capitali).

Risollevare le sorti di MySpace, sempre che sia davvero possibile, richiederebbe un'operazione simile a quella che ha coinvolto YouTube. Tuttavia, è poco credibile che un'azienda – considerando la crisi internazionale – possa ricapitalizzare la società e attendere degli anni per avere dei guadagni. Siamo in periodo di saldi, però MySpace ha un costo eccessivo.

Via | The Huffington Post

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: