419 Eater: i vendicatori delle truffe Nigeriane

Mail classica: il parente stretto di un personaggio altolocato nigeriano, afferma di avere una montagna di soldi ma di aver bisogno di altri soldi per sbloccarli. Alzi la mano chi non l'ha mai ricevuta almeno una volta nella vita.

La frode, per quanto sembri folle, è ben congegnata. Chi risponde alla mail otterrà tutta una serie di documenti falsi come attestazione di quanto scritto. Ma cosa succede quando qualcuno vuole truffare i truffatori? Leggendo un post di Alexis Madrigal ho riscoperto 419 Eater, ovvero i vendicatori delle truffe alla Nigeriana. Perchè 419? Perchè sarebbe la sezione del codice penale nigeriano che punisce questo genere di imbrogli.

419 Eater, online dal 2003, è una vera e propria miniera di informazioni. Innanzitutto su come funziona e lo schema su cui si basa la truffa, quindi su come difendersi ed aiutare chi ci è cascato. Poi una serie di consigli su come passare al contrattacco. Il primo è ovviamente quello essere prudenti perchè si tratta comunque di criminali. Non meno importante è la sezione link, con un vasto assortimento di siti anti truffa ed archivi di vario genere.

Ci sono due sezioni fotografiche, che sarebbero esilaranti se non ci fosse il risvolto delinquenziale. La "Hall of Shame" contiene immagini che definire "photoshoppate" è un complimento. Con queste foto i truffatori vorrebbero dimostrare la propria identità. Provate a dare un occhio e giudicate. La Trophy Room è invece l'archivio fotografico degli imbroglioni truffati. Oltre a fotografie imbarazzanti, c'è chi è riuscito a farsi inviare 20 dollari oppure chi, come nel caso dell'immagine che presentiamo, è riuscito a farsi inviare un Commodore 64 intarsiato nel legno.

E' difficile per chi è stato raggirato riuscire ad uscire allo scoperto per sporgere denuncia. E questo porta ovviamente ad una impunità automatica per i truffatori, sommata alla ovvia difficoltà di raggiungerli nei loro Paesi e forse anche ad un certo atteggiamento da parte delle forze dell'ordine. Chiedersi quanto sia giusto affidarsi alla "vendetta telematica" diventa allora non un semplice esercizio di stile, ma la riflessione su quanto sia difficile avere giustizia su internet. Domanda alla quale personalmente non ho una risposta certa.

Lascio allora i riferimenti ufficiali di chi è preposto a questo tipo di indagini, sperando non possano debbano servirvi: Polizia Postale e Nucleo Speciale Frodi Telematiche della GdF.

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: