Google crolla in borsa

Google nasdaq

Accidenti, che tonfo! Google annuncia i risultati per l'ultimo trimestre 2005 inferiori alle aspettative e gli investitori rispondono "votando con i piedi". Ovvero, vendendo il titolo e andandosene.

Nonostante risultati in crescita dell'86% rispetto all'anno precedente, la quotazione di Google è scesa del 16%, perchè gli analisti si aspettavano un utile nettamente superiore agli 1,58 $ per azione annunciati (l'aspettativa era di 1,76$).

Continua, neanche tanto lentamente, la trasformazione di Google da esempio di powerhouse tecnologica benvoluta da tutti ad azienda guardata come un falco dagli analisti di borsa ai paladini delle libertà civili.

Il fardello di aspettative troppo alte comincia a farsi pressante, tra lanci di prodotto che hanno lasciato un po' a desiderare (Analytics, Video Store) e rivali sempre più agguerriti. Forse ora è possibile capire meglio il perchè Google appia accettato un po' di censura per Google China: per mantenere le quotazioni delle azioni è necessario continuare a crescere a rotta di collo, e la Cina è uno dei pochi mercati con potenziali di crescita giganteschi.

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: