Twitter giustifica l'incidente, spiega OAuth e avvia http://t.co/

Twitter t.co

Twitter è uscito dalla crisi dell'attacco onMouseOver di lunedì e cerca di voltare pagina in fretta. Nel tardo pomeriggio di ieri è stata inoltrata un'e-mail agli utenti italiani che riassume le novità in arrivo sulla piattaforma. Alcuni fortunati possono già usufruire della nuova versione di Twitter, in fase di roll-out, e del sistema di URL shortening noto dal mese di giugno.

In ritardo rispetto all'entrata in vigore della regola, la newsletter spiega in termini semplici cos'è cambiato dal 31 agosto nell'autenticazione del software di terze parti. Definito come OAuthpocalypse, lo switch attivo ormai da un mese ha abolito l'autenticazione in chiaro via HTTP su Twitter. Una modifica importante, che interessa più che altro gli sviluppatori.

Aspettando che tutti possano accedere al nuovo Twitter, lo staff avverte che i link condivisi saranno trasformati automaticamente nel dominio https://t.co/. Ne avevamo parlato in dettaglio: tutti gli URL inviati alla piattaforma saranno trasformati per motivi di sicurezza. Le ripercussioni sui servizi dedicati (come pure il nuovo McAf.ee) si noteranno presto.

  • shares
  • Mail