Francia: gli spammer inviano falsi avvisi Hadopi

hadopiIn Francia, gli spammer hanno trovato un modo per cercare di carpire i dati sensibili dei navigatori mettendo in forte imbarazzo le autorità transalpine.

Da qualche tempo circolano infatti false email che sembrano provenire dall'Haute Autorité pour la diffusion des oeuvres et la protection des droits sur l'Internet (Hadopi), l'agenzia statale creata appositamente per far rispettare la legge omonima. In realtà si tratta però di messaggi spam che simulano gli avvisi previsti per l'invio da Hadopi quando un navigatore scarica dalla rete file coperti da copyright.

Nei messaggi gli spammer chiedono ai navigatori di fornire il loro numero di carta di credito e altri dati sensibili. Gli spammer si stanno approfittando del fatto che alcuni giorni fa le autorità francesi hanno dichiarato che i primi avvisi da Hadopi sono imminenti. "Nei messaggi ufficiali provenienti da Hadopi non sarà mai prevista la richiesta di dati personali e bancari e non ci saranno link verso siti esterni" ha spiegato Eric Walter, il segretario generale di Hadopi.

La legge Hadopi, approvata nell'ottobre 2009 in seguito alle forti pressioni dei detentori dei diritti sul governo Sarkozy è anche chiamata three strike alla francese, poiché prevede l'invio agli utenti che scaricano file coperti da copyright di tre differenti messaggi: il primo è un semplice ammonimento, il secondo comunica al navigatore che è stata limitata la sua banda di connessione e al terzo avviso scatta la disconnessione dalla rete. I dati dimostrano però che il metodo intimidatorio e repressivo non funziona. Dopo l'approvazione della legge Hadopi infatti, in Francia la pirateria è aumentata.

Foto | Flickr
Via | Le Monde

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: