Uber viene di nuovo bandito in Germania

Una nuova sentenza mette Uber sullo stesso piano dei tassisti e impedisce al servizio di operare senza i regolari permessi.

Barcelona Cabs Strike Against Uber Taxi App

Uber viene di nuovo bandito in Germania. Di nuovo. Per la seconda volta nel giro di sette mesi, il popolare e sfortunato servizio di trasporto automobilistico privato si trova a scontarsi con la legislazione tedesca e viene bandito da tutto il territorio.

La decisione è stata presa ieri dal giudice Joachim Nickel del tribunale di Francoforte, secondo il quale Uber avrebbe violato la legge sul trasporto pubblico in quanto gli autisti del servizio non sono in possesso dello stesso permesso che viene richiesto ai tassisti.

Proprio per questo motivo il giudice ha reintegrato l’ingiunzione contro Uber fissata nel settembre dello scorso anno nella prima causa intentata contro il servizio statunitense.

E così, con effetto immediato, Uber viene di nuovo bandito dal territorio tedesco. L’azienda, però, non ci sta e annuncia battaglia:

Il ban pronunciato dal Tribunale rappresenta una violazione fondamentale, in particolare nel nostro diritto in linea con la legge europea di stabilire e fornire un servizio. Ecco perchè abbiamo presentato un reclamo alla Commissione Europea contro la Germania e abbiamo anche presentato ricorso in appello contro la decisione di oggi.

Uber, intanto, sembra aver già trovato il modo di aggirare il ban. La sentenza si applica soltanto a uberPOP, quindi non va ad intaccare il funziomanento di uberBLACK e uberTAXI, che potranno così continuare ad operare in Germania.

Via | Uber

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail