Playboy sull'Ipad, ma con il velo

playboy ipadFuori il porno dal casto Ipad, Playboy non passa l'iniziale test di moralità di Apple. Notiziona che non farà piacere agli appassionati della famosa rivista, i quali se vorranno vedere la loro rivista sull’Ipad dovranno sborsare 3.20 sterline per una casta versione digitale. Ad esempio, la Playmate del mese avrà un bellissimo volto ma ai lettori digitali sarà permesso vedere solo quello.

La creatura di Hugh Hefner ha accettato di censurare il suo contenuto al fine di garantirsi un posto nell’olimpo dell'App Store, Apple vieta infatti qualunque applicazione dal contenuto osceno, pornografico, offensivo o diffamatorio. Alcuni precedenti niet di casa Jobs, sono stati per Ninjawords il famoso dizionario che conteneva parolacce, e per Me So Holy un programma che consentiva agli utenti di sostituire il proprio volto a quello di Gesù Cristo. Secondo sondaggi made in USA gli uomini quando vengono beccati dalla propria partner con la famosa rivista affermerebbero: “Ma cara ho letto solo gli articoli!”. Bene per quanto riguarda il futuro lettore ipad, questa sarà davvero la triste verità.

Questa autocensura segue alle dichiarazioni di Steve Jobs dell’aprile scorso – quando il grande capo Apple rispondendo ad un cliente (qui su techcrunch.com) affermava che era sua la responsabilità morale di tenere fuori il porno dalle applicazioni per l’iphone. Anche se l’argomento è solo una news internet-gossippara, questa mi pare l’ultima mania di grandezza Apple.

Bisognerebbe ricordare a Jobs che non è compito del distributore censurare. Che dire: strapotere che obbliga ad autocensure dell'azienda della mela morsicata, grande flop in arrivo per Playboy in versione digitale.

Via | Telegraph.co.uk
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: