UltraViolet porterà il DRM ovunque

UltraViolet

L'ultima frontiera della ricerca per contrastare la pirateria digitale è UltraViolet (ex-Universal DRM), un sistema di controllo basato sul cloud computing. Sviluppato dal Digital Entertainment Content Ecosystem (DECE), ha già raccolto il favore di numerose aziende coinvolte nella filiera dell'intrattenimento casalingo. Alla faccia di ciò che pensa la RIAA.

UltraViolet è attualmente in fase beta e si attende un rilascio stabile entro la fine del 2010. Il funzionamento è semplice: a prescindere dal dispositivo di riproduzione (cellulari, computer, televisori, ecc.) i contenuti che implementano un DRM contattano il database di DECE per controllare la validità del supporto. Il sistema si basa sulla crittografia video.

La validità di UltraViolet nella lotta alla diffusione via P2P di contenuti protetti da copyright è tutta da dimostrare. L'esistenza di un database in rete espone il sistema alle "intrusioni" e l'algoritmo di cifratura potrebbe essere violato più rapidamente di quanto si pensi. Ad ogni modo, UltraViolet dovrebbe raggiungere gli utenti all'inizio del 2011.

Via | Ars Technica

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: