Google Fiber si espande in 4 nuove aree metropolitane

I piani di Google per il servizio Fiber sono ben lontani dall'essere completati.

google-fiber

Il progetto di Google per diventare a tutti gli effetti un provider Internet passa naturalmente per Google Fiber, rete a banda larga da 1 gigabit al secondo che l'azienda di Mountain View offre attualmente nelle zone di Kansas City (Missouri), Austin (Texas) e Provo (Utah).

Per Google Fiber è infatti arrivato il momento di espandersi in 18 nuove città dislocate nelle aree metropolitane di Atlanta (Georgia), Charlotte (Carolina del Nord), Raleigh-Durham (Carolina del Nord) e Nashville (Tennessee): si tratta dunque della più grande espansione da quando è nato il servizio, ma i piani di Google sono tutt'altro che finiti.

La società americana sarebbe infatti già al lavoro per portare Fiber in altre cinque aree metropolitane, corrispondenti alle città di Phoenix (Arizona), Portland (Oregon), Salt Lake City (Utah), San Antonio (Texas) e San Jose (California), in linea con le ambizioni di Google di diventare un colosso anche in ambito di telecomunicazioni. Ricordiamo infatti che proprio in questi giorni si è parlato dell'accordo con gli operatori di telefonia mobile, per far sì che da Mountain View parta anche un servizio di rete cellulare.

Tornando a Google Fiber, ricordiamo che al prezzo di 80 dollari al mese il servizio offre una connessione in grado di superare di circa 10 volte le altre connessioni a Internet, attraverso un'infrastruttura che l'azienda sta portando pian piano in giro per gli Stati Uniti. L'Europa, naturalmente, è ancora lontanissima.

Via | Cnet.com

  • shares
  • Mail