"Internet è destinata a sparire", parla Eric Schmidt

Discorso interessante, quello di Eric Schmidt sul futuro di Internet

Queste sono le classiche dichiarazioni che non ti aspetti da uno come Eric Schmidt: Internet è davvero destinata a scomparire, come ha recentemente dichiarato durante il World Economic Forum tenutosi a Davos in Svizzera? La verità sta nel mezzo, nel senso che è vero: Schmidt ha rilasciato queste dichiarazioni; è altrettanto vero, però, che lo ha fatto per catturare l'attenzione dei presenti e spiegare che questo Internet sparirà, per lasciare spazio a un mondo completamente interconnesso, dove

"saremo circondati da così tanti sensori che sarà difficile rendersi conto di essere ovunque".

Insomma, una forma più evoluta di Internet, che, però, diciamocelo, è un po' un'utopia, soprattutto se non si ha come periodo di riferimento un arco cronologico di tempo davvero elevato, che contempli una maggiore vicinanza del consumatore ai prodotti di ultima generazione: gli smartwatch, almeno per il momento, non hanno avuto il successo tanto sperato, e anche fitness band e accessori di questo tipo sono tutt'altro che diffusi nel mondo. Avremo senz'altro dei grandi risultati nelle zone meno ricche del pianeta, grazie a Project Loon e progetti di questo tipo, ma, per quanto mi riguarda, penso che le dichiarazioni siano decisamente azzardate.

Schmidt ha insomma esagerato, per far passare, però, un concetto molto importante, e quasi scontato, a dire il vero:

"La presenza degli accessori diventerà normale, interagire con loro sarà un’abitudine. In questo modo, Internet, anche se passerà in secondo piano, contribuirà all'emersione di un mondo personalizzato, interattivo e interessante".

Approfondisci: Papa Francesco, smartphone e social network un ostacolo e un aiuto per la famiglia

Sono tutte dichiarazioni che hanno un senso e che si prestano a grandi dibattiti, soprattutto se pensate che attualmente solo il 40% della popolazione mondiale ha Internet: immaginate cosa potrebbe succedere nel caso in cui la percentuale dovesse arrivare a 50, 60 od oltre. Ci vorrà tempo, ma i cambiamenti saranno senz'altro evidenti.

Via | Pcmag.com

  • shares
  • Mail