Il leap second di giugno 2015 causerà problemi come nel 2012

A giugno 2015 il leap second causerà parecchi problemi a diversi siti

leap second

Si chiama leap second 'secondo intercalare' e sicuramente saprete di cosa si tratta: il 30 giugno 2015, dopo le ore 23:59:59, non arriveranno le 00:00:00 bensì le 23:59:60; sarà aggiunto, cioè, un secondo in più a tutti gli orologi atomici. Per noi, non ci sarà alcun cambiamento - il tempo umano non è certo scandito dai secondi -; per alcuni servizi invece sì, visto che un secondo in più potrebbe farli crashare com'è già successo, tra l'altro, nel 2012. Ma procediamo con ordine.

A parlare è stato Daniel Gambis, responsabile dell'International Earth Rotation Service presso l'Osservatorio di Parigi: questi ha chiarito che il leap second serve per sincronizzare gli orologi terresti con il tempo astronomico, visto che la rotazione della Terra sta rallentando. Non è la prima volta che accade, conviene ricordarlo: il primo secondo è stato aggiunto nel 1972, mentre nel 2012 alcuni servizi come Foursquare sono andati in crash perché si era cercato di sincronizzare gli orologi utilizzando il Network Time Protocol.

Approfondisci: la traduzione istantanea sta per arrivare su Google Translate

Il 30 giugno 2015 tutto questo potrebbe ripresentarsi, senza che le aziende possano farvi fronte: non tutte, infatti, sono dotate delle capacità di Google, che ha risolto il problema con il leap smear, vale a dire spalmando il secondo in più nelle ventiquattr'ore della giornata (facile a dirsi - come potete ben immaginare -, ma tutt'altro che facile a farsi). Staremo a vedere cos'accadrà!

Via | Wdaz.com

  • shares
  • Mail