Repubblica.it lancia gli alert via Whatsapp e promette massimo rispetto della privacy

Anche Repubblica.it segue la moda dei quotidiani internazionali e lancia un servizio di alert via WhatsApp.

repubblica su whatsapp

Coi suoi 700 milioni di utenti attivi in tutto il Mondo, WhatsApp è una piattaforma che si presta, al pari dei social network, a raggiungere un grande numero di persone con un singolo messaggio. Da qualche mese la stampa ha cominciato a guardare il servizio di messaggistica ora di proprietà di Facebook con un occhio diverso rispetto al passato. L’HuffPost, nella sua versione britannica, ha inaugurato da tempo un servizio di alert via WhatsApp e da oggi anche un quotidiano italiano ha deciso di seguire quell’esempio.

Repubblica.it ha presentato oggi il nuovo servizio di avvisi via WhatsApp, notizie e aggiornamenti importanti che verranno inviati direttamente ai telefoni cellulari degli utenti iscritti. Scrive il quotidiano:

L'attentato a Parigi, la morte di Pino Daniele, il disastro della Norman Atlantic: sono solo alcuni esempi delle breaking news che gli abbonati alle nostre notifiche su smartphone hanno ricevuto per primi, nel momento stesso in cui la notizia veniva pubblicata su Repubblica.it.

Forte delle ultime statistiche diffuse da DataMediaHub, Repubblica.it ha deciso di provare ad aumentare il bacino di utenti e di andare a pescare in quel 56% degli italiani che utilizza WhatsApp non soltanto per comunicare con amici e conoscenti, ma anche per scambiarsi informazioni. Gli alert, promette il quotidiano, si limiteranno alle breaking news e alle notizie più importanti, non riceverete quindi foto di gattini che abbaiano o l’elenco dei vip peggio vestiti della settimana.

Per abbonarvi gratuitamente al servizio, trovate tutte le informazioni a questo indirizzo, dovrete inviare a Repubblica.it un messaggio su WhatsApp, dando quindi il vostro consenso all’inserimento del vostro numero di telefono nel database dei contatti a cui inviare gli alert.

A chi si sta già chiedendo come verranno trattati i propri dati, citiamo il disclaimer di Repubblica.it:

I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun abbonato potrà vedere i contatti altrui. Repubblica.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.

Abbiamo comunque chiesto qualche delucidazione in più al quotidiano e non mancheremo di aggiornarvi non appena riceveremo una risposta.

Il servizio, gratuito e disattivabile in qualunque momento, è appena partito per gli utenti di Android e sarà esteso a breve anche gli utenti di iOS.

repubblica online

(in aggiornamento)

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: