Madonna e il leak di Rebel Heart: temuto hacking ai danni del suo PC

Dopo il leak di Rebel Heart, Madonna ha pubblicato alcune canzoni su iTunes.

56th GRAMMY Awards - Show

Dietro al leak del nuovo album Rebel Heart di Madonna potrebbe esserci di più rispetto a una "semplice" trafugazione di materiale: dopo avere parlato di "stupro artistico", la cantante ha infatti parlato ai microfoni del Guardian dichiarando di temere che il suo PC personale sia stato bucato.

Dall'accusa di furto a quelle di terrorismo, Madonna non ha naturalmente preso bene la pubblicazione online delle canzoni, non ancora completate:

"C'è ovviamente una persona, o un gruppo, dietro di questo che sta provando a terrorizzarmi. Non voglio suonare allarmante, ma è di certo come mi sento. Una cosa è se qualcuno viene a casa tua e ruba i quadri dalle pareti: anche questa è violazione, ma il tuo lavoro, come artista, è devastante."

Non è la prima volta che una cosa del genere avviene ai danni di un cantante, ma Madonna porta avanti la tesi di un leak diverso da una serie di demo finiti online, parlando anche di altri contenuti che le sarebbero stati trafugati:

"Non è stata solo la musica. Ci sono immagini che stanno venendo fuori che non ho mai visto. Ho iniziato a pensare 'ok, cosa sta succedendo? Chi è la fonte dei leak?' Non è una sola persona, o qualcuno che siede accanto a me in ufficio o qualcuno in uno studio di registrazione.

Ho avuto leak ai miei danni prima d'ora, un paio di settimane prima che un album venisse pubblicato, tanti artisti ce l'hanno pure, dobbiamo tutti averci a che fare. Ma avere canzoni nella loro forma demo più embrionale, da marzo, mi disturba estremamente.

Inevitabile il riferimento all'attacco ai danni di Sony Pictures, e al modo in cui gli artisti devono gestire il proprio lavoro in un mondo dove l'hacking è dietro l'angolo:

"Devi ripensare al tuo approccio nel fare musica, come portare l'informazione alle persone e lavorare in un ambiente più sicuro. È allarmante. Allarmante perché cosa facciamo come artisti? Vogliamo finire di scrivere il nostro libro o montare il nostro film, vogliamo finire di scrivere e produrre musica. La gente ha bisogno delle arti, dobbiamo essere ispirati, dobbiamo ascoltare i brani e vedere i film. Perché distruggere il processo per le persone creative? Ha un impatto su tutti quanti."

Dopo l'arrivo delle tracce su Internet, Madonna ha effettuato la sua contromossa, pubblicando sei tracce su iTunes nonostante l'album completo sia attualmente previsto per l'arrivo sul mercato a marzo.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail