Google ancora più veloce con Reactive Prefetch, piccoli cambiamenti per la ricerca

La ricerca Google diventa ancor più veloce con la nuova tecnologia Reactive Prefetch

google ricerca veloce

Ancora cambiamenti, per fortuna positivi e utili, per la ricerca Google: questa volta, però, non parliamo di contenuti, ma di velocità; stando a quanto comunicato dallo sviluppatore Ilya Grigorik su Google Plus, infatti, la nuova tecnologia Reactive Prefetch aumenterebbe la velocità di caricamento di ogni pagina di circa 100-150 millisecondi.

Leggiamo subito uno stralcio delle dichiarazioni ufficiali dello sviluppatore, perché rendono il concetto molto più chiaro:

"Quando cliccate su uno dei risultati della ricerca, il browser comincia a caricare la pagina di destinazione ed è proprio in questo momento che avviene la magia: al browser viene fornita un’indicazione anche sulle altre risorse critiche da caricare in parallelo per velocizzare il rendering di tutte le pagine".

La sintesi è questa, ma Ilya Grigorik è stato molto più preciso nella spiegazione, essendosi soffermato anche sulla tecnologia sottesa a questo cambiamento:

"L’intuizione più importante di questa tecnologia è che non si scaricano risorse che non servono: aspettiamo che l’utente clicchi sul link e ci dica esattamente dove sia diretto, in modo tale da permetterci di comunicare al browser le altre risorse da caricare in parallelo".

Approfondisci: Google+ permette di definire il proprio orientamento sessuale

Il prefetching reattivo non cambia moltissimo l'esperienza finale dell'utente, ma si tratta comunque di un tassello in più per migliorare il servizio offerto. Al momento, purtroppo, il browser compatibile è solo Chrome, ma Google ha assicurato che, in collaborazione con le software house, farà il possibile per portare la nuova tecnologia su Mozilla, Opera, Apple e così via.

Via | Googe Plus

  • shares
  • Mail