Google svela i nuovi CAPTCHA

Possiamo finalmente dire addio ai vecchi e fastidiosi CAPTCHA di Google. Ecco la loro versione riveduta e corretta.

Pochi mesi dopo aver realizzato che “affidarsi a scritte distorte non è abbastanza, Google ha definitivamente mandato in pensione i vecchi CAPTCHA, le fastidiose prove automatizzate pensate per riconoscere gli umani, e ha presentato la loro versione riveduta e corretta: NoCAPTCHA reCAPTCHA.

Il nuovo sistema, lanciato in fase di prova, promette di semplificare non poco la vita di noi umani. Invece di copiare scritte distorte e complesse, gli utenti non dovranno far altro che cliccare su un pulsante e dichiarare di non essere un robot:

Recaptcha_not-robot

A quel punto Google farà una breve serie di rapidi controlli e se il motore di analisi del rischio ci darà ragione, la procedura si potrà dire conclusa. Se, invece, noCAPTCHA ci scambia per dei robot, dovremo inserire un CAPTCHA classico o, più probabilmente, uno dei nuovi che ci chiederà di scegliere l’immagine giusta tra una serie di opzioni, come quella che vedete nel video in apertura.

Vinay Shet, product manager del team reCAPTCHA di Google, ha spiegato che il nuovo sistema di analisi del comportamento dell’utente dovrà essere istruito e che per questo motivo, almeno all’inizio, gli utenti si troveranno davanti i vecchi CAPTCHA col testo distorto, giusto fino a quando noCAPTCHA capirà come riconoscere i nostri comportamenti.

noCAPTCHA è stato lanciato in fase di test e tutti gli sviluppatori che vogliono provarlo e integrarlo nei loro prodotti e servizi non devono far altro che collegarsi a questo indirizzo e iscriversi gratuitamente al programma.


Via | Google reCAPTCHA

  • shares
  • Mail