Quale social network scegliere per il nostro tempo libero e il nostro lavoro?

Social network ce ne sono tantissimi, ma quale è meglio scegliere per il nostro tempo libero? E quale per il nostro lavoro?

Partiamo dal presupposto che di social network ce ne sono tantissimi. Non dico ogni giorno, ma molto di frequente ne saltano fuori di nuovi (nuovi... se andiamo a vedere alla fine sono stranamente tutti simili fra di loro, per quanto di nicchia siano) che vanno a sommarsi a quelli storici: un povero utente come fa a capire a quale social network iscriversi? Perché a mio avviso è già impensabile stare dietro a tutti quelli più gettonati, se poi andiamo ad iscriverci anche a quelli neonati, di nicchia, di tendenza e via dicendo... ma quante ore al giorno avete per controllare gli account? E per interagire? Personalmente già così sono al limite: o mi danno una Giratempo o seguire il News Feed di Facebook, la Timeline titanica di Twitter, le foto su Instagram e Pinterest, gli annunci su LinkedIn e via dicendo diventa un'impresa titanica.

Quali social network seguire?


Social network

Ecco perché conviene selezionare quali social network seguire, sia in base all'uso lavorativo che vogliamo farne sia in base all'aspetto ludico per cui li usiamo. Se per esempio abbiamo un'attività (il discorso vale anche per le aziende) conviene farsi un profilo lavorativo sui maggiori social network in modo da garantire una certa visibilità: direi che Facebook, Twitter, LinkedIn, Intagram da questo punto di vista sono indispensabili. E Google+: ricordatevi che Google vi ama di più se avete anche un profilo su Google+, quindi se volete essere maggiormente indicizzati e considerati, Google+ vi tocca di default.

Passiamo ora in rassegna i singoli social network. Partiamo da Facebook: considerando che è il social network più diffuso, quello che praticamente tutti usano, sia dal punto di vista lavorativo che ludico direi che conviene farsi un profilo. Se con Facebook ci lavorate, separate il profilo privato da quello lavorativo in modo da garantire un minimo di professionalità. Inoltre Facebook è anche il social network più vario di tutti, qui trovate contenuti differenti e potete svolgere attività diverse. Utile dunque sia per promuovere un marchio che per scoprire cosa stanno facendo i vostri amici.

Twitter è altrettanto indispensabile, sia per lavoro che per le amicizie: vi aiuta a rimanere aggiornati in tempo reale, anche se a volte ci si perde sulla Timeline e vi permette di mettere in mostra il vostro brand. Se si usa Twitter per lavorare bisogna essere costanti nella presenza altrimenti si rischia di venir fagocitati nella marea dei tweet altrui.

Instagram lo vedo più come un social network ludico, tuttavia adesso anche le aziende si sono rese conto delle sue potenzialità e se usato bene può aiutare una società a crescere. Certo, non tutti hanno un account su Instagram, quindi conviene sempre crearne anche uno sugli altri social network e non limitarsi al solo Instagram come social network di uso principale. Idem dicasi per Pinterest, se avete un'azienda dedicata ai matrimoni, di abbigliamento o affini, qui vale la pena di creare un account. Anche se lo usate con un profilo privato, però assicuratevi che i vostri amici con cui volete rimanere in contatto siano presenti su Pinterest, altrimenti vi conviene collegare l'account con quello di Facebook.

Decisamente più dedicati al lavoro LinkedIn e Google+: il primo dedicato al cerca/trova lavoro, utile sia per chi sta cercando un impiego sia per le aziende che cercano nuovi dipendenti; il secondo deve essere usato se non si vuole essere penalizzati da Google. Se volete tentare di raggiungere un pubblico più vasto possibile potete allora dedicarvi anche ad un Youtube, tuttavia valutate attentamente se ha senso promuovere la vostra azienda tramite questo canale o se non sia meglio un'altra forma di comunicazione.

E gli altri social network? Beh, prendiamo un Ello per esempio: nato da poco, poche funzioni. Ci si può iscrivere, però quanti amici troverete lì sopra? Certo, potete sempre farvene di nuovi, ma personalmente vado sui social network non per farmi nuove amicizie virtuali, ma per consolidare quelle di vecchia data e cercare di rimanere in contatto con persone distanti che non potrei incontrare in altro modo. E dal punto di vista lavorativo? Beh, dal punto di vista delle aziende nessuna di loro sceglierà mai un Ello per veicolare il proprio messaggio rispetto a un Facebook o un Google+.

Quindi in definitiva tutto dipende dall'uso che ne facciamo dei social network e dalle nostre preferenze: se siamo un'azienda dovremo scegliere quello o quelli che meglio si prestano alla nostra immagine, mentre un utente normale li sceglierà in base al tipo di utilizzo che intende farne (se amo la fotografia, ovvio che andrò su un Instagram, ma se non ne faccio o non mi interessano non ha molto senso farsi un account, giusto?) e anche in base al numero di amici presenti su quel social network.

Foto | 10271567@N05

  • shares
  • Mail