Il miliardario che ha perso di più nel 2009 nel settore tecnologico


Silicon Alley Insider ha stilato una lista delle figure di spicco nel campo dell'Information Technology che hanno visto scendere di più, nel corso dello scorso anno, il loro patrimonio personale.

Non c'è dubbio sul concordare (usando Forbes e le sue stime come fonte essenziale) che sia Henry Ross Perot Sr a vincere la sfida, con i suoi 1,2 miliardi di dollari persi negli ultimi dodici mesi.

Nella sua lunga carriera di 79enne, Perot ha fondato due aziende di spicco nell'informatica (vendendole a due diversi colossi) e si è candidato altrettante volte alla Presidenza degli Stati Uniti (nel 1992 e di nuovo nel 1996). Sia nell'una che nell'altra attività Perot non sembra aver riscosso troppo successo, anche se resta l'85esimo uomo più ricco d'America, con una fortuna personale di 3,3 miliardi di dollari.

Soprattutto "svendere" a Dell la sua più recente creatura - Perot Systems - per "soli" 3,9 miliardi di dollari non ha giovato alle sue finanze di Paperone dei server e delle reti. Dopo aver venduto alla General Motors la sua prima creatura (Electronic Data Systems, nel 1984), Perot aveva fondato Perot Systems, portandola poi al successo rappresentato da 2,8 miliardi di dollari di fatturato nel 2008. Una vera montagna di debiti lo ha costretto a rinunciare alla sua seconda creatura, che serve più di 27.000 aziende nel mondo e ha sedi in 25 paesi diversi.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: