Il Governo cinese avverte Google: se smetterà di filtrare le ricerche, ne pagherà le conseguenze


Il battagliare continuo fra il Governo cinese e Google è ormai ai ferri corti, lo si sapeva già da tempo. L'attacco informatico nei confronti dell'azienda di Mountain View, però, potrebbe essere solo la punta dell'iceberg più "diretta" di una serie di conseguenze che Google potrebbe pagare se non rispetterà le leggi valide sul suolo cinese.

"Noi supportiamo l'espansione di Google nel nostro mercato, ma se violasse le leggi cinesi non sarebbe amichevole e sarebbe irresponsabile e dovrà risponderne delle conseguenze".

Sono parole di Li Yizhong, ministro cinese dell'Industria e della Tecnologia. Il Governo cinese fa filtrare dai motori di ricerca tutto il contenuto che non ritiene adatto alla popolazione che amministra: pornografia, violenza, ma anche contenuti politici di varia natura. Le parole del vice-presidente di Google Nicole Wong, però, non lasciano presagire nulla di buono:

"Google è ferma nella sua decisione di smettere di censurare i suoi risultati in Cina. Anche a costo di dover chiudere il nostro dominio google.cn e di lasciare il paese, siamo pronti ad andare avanti".

Sono parole molto pesanti, soprattutto considerato che sono state pronunciate davanti alla Commissione Affari Esteri del Parlamento americano, durante un dibattito su "come la tecnologia può aiutare gli attivisti per la democrazia sparsi nel mondo". Insomma, Google è avvertito, ma anche la Cina lo è. Del resto, nessuna delle due parti sembra temere l'altra: la Cina è convinta di poter fare a meno del motore di ricerca americano per sviluppare comunque il suo mercato di Internet e su Internet; Google è forte della sensazione di essere nel giusto, e nell'appoggio concretissimo del Governo del suo paese.

  • shares
  • Mail
14 commenti Aggiorna
Ordina: