Appello su Facebook: una chiesa in Galles cerca persone per partecipare al funerale di un veterano

Ok, questa ve la segnalo per la serie "Modi alternativi di utilizzare Facebook": in Galles una chiesa lancia un appello su Facebook per cercare persone per partecipare al funerale di un veterano senza famiglia.

Facebook chiesa Galles

Rimango sempre stupefatta dai modi alternativi in cui si può usare Facebook. Di sicuro Mark Zuckerberg non aveva in mente questo quando ha deciso di creare il social network, ma adesso la sua creatura evolve in direzioni assai particolari. Siamo abituati a vedere su Facebook selfie di vario genere e natura, foto di cibi e gattini, appelli per questa o quella bufala, condivisioni di meme divertenti, ma francamente un appello per partecipare ad un funerale ancora non lo avevo visto. Eppure come potete vedere è quello che è apparso in un post della chiesa del Galles di St. Tathan Church, andiamo a vedere tutta la storia.

Su Facebook l'appello per partecipare ad un funerale

La chiesta di St. Tathan nel Galles ha lanciato un appello su Facebook per chiedere alle persone di partecipare al funerale di un veterano di 85 anni rimasto solo al mondo, Harold Morgan, questo il suo nome. Harold abitava in una casa di cura a Barry nella Vale of Glamorgan da quattordici anni: da giovane aveva prestato servizio nelle Welsh Guards ed era anche stato inviato in Egitto.

A causa del fatto che Harold non aveva né parenti né amici rimasti in vita, il reverendo Rachel Simpson ha così espresso alla BBC Radio le sue preoccupazioni: "Non ci ha lasciato detto nulla sui suoi legami di parentela, il che è molto insolito. Ero preoccupata che al funerale avrebbero partecipato solamente l'avvocato e le infermiere della casa di cura e ho pensato che non era un bel modo per andarsene".

Così ecco l'idea geniale del reverendo: perché non postare una appello sulla pagina Facebook della chiesa? Detto fatto e subito dai Commenti sono emersi dettagli della vita di Harold rimasti sconosciuti alla sua comunità. Per esempio si è saputo che Harold Morgan era stato uno dei membri fondatori del Welsh Railways Research Circle e che aveva pubblicato anche diversi libri sull'argomento. Inoltre in risposta al post Rodney Hall, anche lui membro di questa associazione, ha rivelato che lui conosceva Morgan sin dal 1970: "Lui era un ex ferroviere che aveva lavorato come segnalatore. Io e gli altri membri del Circolo saremo presenti alla cerimonia".

Ma c'è di più: grazie all'appello anche altri ex militari e parenti di altri veterani hanno deciso di partecipare al servizio funebre. E questo anche se non conoscevano direttamente Morgan. Un uso alternativo di Facebook ha permesso non solo al povero Harold di non andarsene da solo, ma anche ad alcune persone che lo conoscevano di sapere della sua dipartita. Se infatti il reverendo non avesse scritto nulla, probabilmente gli altri membri del Circolo do Morgano non avrebbero mai saputo della sua morte o che fine avesse fatto. Questo per dire che Facebook e i social network non sono necessariamente il Male incarnato, se usati con cognizione possono essere strumenti assai utili.

Ed ecco il post in questione:


Via | Mashable

Foto | Screenshot dalla pagina Facebook della chiesa St Tathan Church, St Athan

  • shares
  • Mail