Il Parlamento Europeo unito per una maggiore trasparenza sul trattato ACTA


Buona parte del Parlamento Europeo si sta dimostrando - coraggiosamente - insofferente rispetto all'atmosfera di segretezza e di mancanza di trasparenza intorno a tutto quello che riguarda il cosiddetto Anti-Counterfeiting Trade Agreement (ACTA: "Accordo Anti-Contraffazione"), da parte della Commissione Europea.

L'ACTA è un accordo plurilaterale su cui la Commissione è al lavoro per stabilire degli standard riguardo i diritti sulla proprietà intellettuale. Oltre all'Unione Europea, vi sono al lavoro anche i governi di paesi come l'Australia, il Giappone, gli Stati Uniti, la Svizzera, gli Emirati Arabi Uniti. Tutti i maggiori partiti rappresentati al Parlamento Europeo hanno fatto quadrato intorno a questa sensazione di disagio, facendo approvare nella seduta di ieri una risoluzione che renda obbligatorio per la Commissione pubblicare tutti i documenti fin'ora prodotti dalle contrattazioni con gli altri paesi.

Il Parlamento deve essere informato sui processi di negoziazione: è questa la parola d'ordine. Anche l'unico membro del Parlamento aderente al Partito "dei Pirati" Christian Engström ha firmato la risoluzione.

L'altro elemento su cui sembrano essere tutti d'accordo è l'assoluta contrarietà alla cosiddetta legge dei "Three strikes" ("le tre disconnessioni"): una normativa paventata o già applicata in alcuni paesi dell'Unione Europea, che infliggere la riduzione della banda dedicata a Internet o l'interruzione totale di essa per chi si fosse macchiato di crimini contro il diritto d'autore (dopo tre avvertimenti). Il Parlamento ha sempre fermamente condannato l'ipotesi che si possano diffondere ulteriormente leggi come questa.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: