Allarme da Ars Technica: il 40% dei suoi lettori blocca le pubblicità online


Il sito di informazione tecnologica Ars Technica ha posto ai suoi (tanti) lettori un quesito di non facile soluzione: perché bloccate le nostre pubblicità online? Il post è molto pensato e sofferto, non c'è dubbio. E' certo più facile rispondere a una domanda del genere che porla, per un realtà importante come Ars Technica, nel settore dei siti d'informazione. Ma, come risulta dal post stesso, ormai più del 40% dell'audience di Ars (che ha un pubblico di utenti avanzati della rete) fa uso di ad blocker per intercettare e non visualizzare le campagne pubblicitarie ospitate dalle pagine del sito.

Il fatto è che non tutte le ad via web sono redditizie solo "per click". Normalmente, chi blocca le ad in buona fede, tramite appositi add-on del suo browser, pensa che, dal momento che comunque non tenderebbe a cliccarle per abitudini di navigazione, non sta facendo alcun male alle economie del sito. Niente di più falso, secondo Ars. Molte campagne sono redditizie per numero di visualizzazioni, prima ancora che per numero di click. E il danno allora c'è, ed è ingente. Le parole usate da Ken Fisher sono dure:

"Bloccare la pubblicità può devastare i siti che amate di più. Non sto sostenendo che bloccarle sia una forma di furto, o sia immorale, o sia antietica. Ma può significare far perdere il lavoro a qualcuno. Può significare meno contenuti. E può significare meno qualità nei contenuti".

Pensateci due volte, insomma, prima di installare software adblocker, anche nelle sue forme più creative o "pacifiche". E ricordate anche che un conto sono i pop-up e certe odiose animazioni in flash (anche pubblicitarie), un conto è bloccare tutte le forme di pubblicità online, senza averne una seria ragione.

  • shares
  • Mail
28 commenti Aggiorna
Ordina: