Bufale su Facebook: le creme per il corpo tossiche per i bambini

Sta girando in questi giorni un'altra bufala su Facebook e sul web inerente alcune creme per il corpo che sarebbero altamente tossiche per i bambini. Ma il comunicato stampa ufficiale non dice proprio questo.

In questi giorni sta girando in rete e su Facebook una bufala relativa ad alcune creme per il corpo tossiche per i bambini. Tutto nasce quando il settimanale Il Salvagente fa un pezzo su alcune creme per bambini che contengono il conservante fenossietanolo, potenzialmente tossico e pericoloso. Da qui il pezzo viene ripreso più e più volte creando un allarmismo ingiustificato sulla rete e facendo cadere nel panico le mamme più ansiose. Il pezzo cita anche la fonte, l'Ansm, solo che se si va a leggere l'articolo originale francese dell'Ansm si nota come l'allarmismo sia stato ingigantito.

Cosa c'è di vero e cosa c'è di falso


Bambino piccolo

Andiamo come sempre a vedere cosa ci sia di vero e cosa ci sia di falso in questa bufala su Facebook e sul web relativa alle creme tossiche per i bambini. Dunque, come dicevamo, l'articolo arrivato in Italia parla di studi tossicologici che riporterebbero pericoli per la riproduzione e lo sviluppo se si viene esposti in maniera cumulativa al fenossietanolo. Per questo motivo l'Ansm ha sconsigliato l'uso nei prodotti destinati ai bambini. E viene pubblicata una lista di prodotti che contengono il fenossietanolo.

Ora, se si va a vedere lo studio originario dell'Ansm (acronimo per Agence nationale de sécurité du médicament et des produits de santé) non si trova così tanto allarmismo. Se volete l'originale francese lo trovate qui, altrimenti la traduzione recita così: "Il rapporto sottolinea come, tenendo in considerazione il consumo cumulativo dei prodotti cosmetici da parte degli adulti, l'Agenzia non ritenga indispensabile raccomandare una variazione del valore di concentrazione massimo permesso di fenossietanolo (1%) nei prodotti per adulti. Tuttavia per i prodotti destinati ai bambini al di sotto dei tre anni e considerando l'esposizione cumulativa, l'Ansm raccomanda di non usare più il fenossietanolo in prodotti per l'igiene intima; restringere il livello massimo allo0.4% per i prodotti destinati ai bambini al di sotto dei tre anni".

Quindi in pratica lo studio dice solamente che per gli adulti non ci sono problemi, mentre per i bambini sarebbe meglio abbassare il limite massimo per evitare problemi di accumulo. Non dice che il fenossietanolo è letale, anzi, lo studio prosegue che al momento a parte alcune reazioni allergiche in alcune persone sensibili al principio non sono stati segnalati effetti tossici sistemici.

Se vi state chiedendo da dove siano saltati fuori quei problemi allo sviluppo e alla riproduzione, beh, ci si riferisce a studi effettuati su conigli e topi, non all'uomo. Quindi diciamo che l'Ansm ha detto una cosa che poi è stata ingigantita, infarcita con mezze verità non spiegate completamente ed ecco che è stato creato dell'altro allarmismo.

Antibufala Blogo

Via | Pagina Facebook di Bufale un tanto al chilo

Foto | sartor

  • shares
  • Mail