Su Facebook ancora esperimenti: aumenta i voti elettorali mostrando più articoli

Facebook non ce la fa proprio a stare lontano dagli esperimenti. Ecco che adesso sta cercando di aumentare i voti mostrando un maggior numero di nuovi articoli nel News Feed. Questo test avrà successo?

Facebook, ancora con questi esperimenti? Non ti è bastata la lezione? In realtà in questo caso trattasi di vecchi esperimenti la cui esistenza però è stata resa nota solamente adesso. L'esperimento in questione si è svolto nei mesi precedente le elezioni americane del 2012: sul News Feed di alcuni utenti improvvisamente cominciarono a comparire un maggior numero di news condivise da amici (in realtà anche adesso a me compaiono tantissimi articoli commentati o condivisi dagli amici). Facebook si rese così conto che coloro a cui avevano mostrato più articoli avevano avuto maggiori probabilità di votare

Ancora un esperimento da parte di Facebook


Facebook Like

Questo studio condotto da Facebook è stato reso noto solamente venerdì dal sito Mother Jones. Fino a quel momento, infatti, il team di scienziati di Facebook aveva condiviso i risultati di questo esperimento solamente con una manciatina di accademici e in occasione di alcune conferenze. Questo almeno secondo quanto affermato da un portavoce di Facebook. Proprio all'inizio del mese Facebook aveva richiesto la rimozione di un video da Youtube: in tale video uno degli scienziati coinvolti nell'esperimento aveva parlato di questo test.

Se vi state chiedendo il perché, è presto detto: troppa pubblicità in merito potrebbe impedire che la ricerca venga pubblicata su alcune riviste del settore. Infatti sembra che i ricercatori abbiano intenzione di pubblicare lo studio in questione su un documento accademico proprio il prossimo anno. Zeynep Tüfekci, professore di sociologia presso l'Università del North Carolina, esperto per quanto riguarda l'impatto sociale della tecnologia, si è più volte chiesto perché Facebook tardasse così tanto a pubblicare gli esiti della ricerca e ha richiesto alla società di aumentare la trasparenza delle sperimentazioni sugli utenti.

Ecco le parole di Zeynep Tüfekci: "Penso che Facebook debba informaci di tutti gli esperimenti che conduce in modo simile alle aziende in cui i medici devono registrare tutti gli studi clinici, non solo quelli che intendono pubblicare"
. Dal canto suo il portavoce di Facebook ribadisce che "Facebook implementa sempre questi test in maniera neutrale. Stiamo cercando di imparare dalle nostre esperienze e siamo impegnati al 100% a garantire una maggior trasparenza quando in futuro incoraggeremo la partecipazione civica".

Questa non è certo la prima volta che Facebook studia l'impatto dei social network sulle abitudini di voto. Già nel 2010 aveva scoperto che gli utenti sono più propensi a votare quando vedono sul loro News Feed che i loro amici hanno fatto clic sul pulsante "Ho votato". Se ricordate, poi, a giugno gli utenti si erano imbufaliti quando avevano appreso di esperimenti di Facebook che manipolavano le loro emozioni omettendo messaggi positivi o negativi sul News Feed, cosa che aveva poi portato Facebook a scusarsi e a rivedere la politica in merito agli esperimenti.

Ovviamente Facebook continua imperterrito a fare i suoi esperimenti nel tentativo di migliorare sempre di più il servizio, cosa che crea non pochi problemi: da una parte abbiamo gli utenti indignati di essere utilizzati come cavie a loro insaputa, dall'altro abbiamo però un Facebook che non pubblicizza tanto gli esperimenti per non inficiare le reali reazioni degli utenti. Infatti è lecito immaginare che se Facebook mai dicesse un bel giorno "Sto facendo questo esperimenti, ti informo, ma tu continua a comportarti come fai di solito" ecco che ci sarebbero frotte di utenti che sarebbero influenzati dal fatto di sapere e si comporterebbero in maniera innaturale, invalidando così il test. Così come immagino che ci sarebbero anche orde di troll che inficerebbero il test apposta. Voi che ne dite?

Via | Blog Wall Street Journal

Foto | mwichary

  • shares
  • Mail