È iniziato il SuperBowl XLIV: Google ha uno spot al 3° quarto

Esattamente a mezzanotte ora italiana è cominciato il 44° SuperBowl, tradizionalmente l'evento sportivo dell'anno negli Stati Uniti: da qualche mese a questa parte – non senza che ciò suscitasse asperrime polemiche tra gli addetti ai lavori – il football americano è diventato anche uno degli argomenti più popolari sui social network: team e giocatori stessi mantengono disparati profili su Facebook e Twitter attraverso i quali comunicano coi propri fan. Per chiudere la parentesi, mi piacerebbe che avvenisse altrettanto in Italia col calcio.

Tornando in argomento (a proposito, anche la NFL ha un account su Twitter) i Saints di New Orleans sfidano i Colts di Indianapolis sul campo del Sun Life Stadium di Miami: il match è trasmesso negli USA dalla CBS e per l'occasione è stato creato l'hashtag #SB44 in uso specialmente su FriendFeed e Twitter — giusto per ribadire il rapporto col web 2.0. Ciò che ormai viene dato per scontato è che tra il 3° e l'ultimo quarto sarà trasmesso uno spot di Google intitolato Parisian Love.

Il video – che fa parte delle SearchStories di Google – ha già raggiunto più di 1 milione di visualizzazioni da quando i primi rumor hanno annunciato la sua presenza al SuperBowl: la visibilità di simili inserzioni è straordinaria, così come il loro prezzo. Le indiscrezioni sono cominciate quando il CEO di Google, Eric Schmidt, ha pubblicato un tweet in risposta alla polemica innestata da John Battelle (fondatore della Federated Media Publishing, editore tra gli altri di BoingBoing). Querelle che ha giovato soltanto a Google, apparentemente.

Via | CNET News

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: