5 cose da sapere su Windows 10

Ecco 5 cose da sapere su Windows 10, l'ultima versione del sistema operativo di Microsoft, svelato ieri a San Francisco e in arrivo a fine 2015.

Ieri Microsoft ha sorpreso tutti svelando il prossimo sistema operativo della casa. O meglio, ha sorpreso tutti sul nome scelto: ormai da tempo la nuova versione veniva chiamata Windows 9, ma l’azienda di Redmond ha deciso di ignorare la numerazione cronologica e di passare direttamente al 10.

L’evento di presentazione è stato molto breve e intimo. Niente diretta video, solo una manciata di giornalisti presenti e tante tante frasi ad effetto, a partire da “il miglior Windows mai realizzato”. Quello che abbiamo visto ieri, è bene sottolinearlo, è soltanto un assaggio delle potenzialità di Windows 10, ancora lontano dalla sua versione definitiva.

Terry Myerson e Joe Belfiore hanno condotto l’evento snocciolando caratteristiche, novità e piacevoli conferme, ricordando però che molto altro sarà svelato nei primi mesi del prossimo anno. In attesa di scoprire cosa Microsoft tirerà fuori dal cilindro, ecco 5 cose che non potete non sapere su questo nuovo sistema operativo.

Un sistema operativo per tutti

windows10

Se ne parlava ormai da tempo, ma nelle ore precedenti alla presentazione di Windows 10, erano in pochi a credere che Microsoft avrebbe annunciato un sistema operativo multi-device. Eppure è proprio quello che ha fatto: Windows 10 non sarà soltanto per desktop, ma porterà avanti il lavoro già cominciato con Windows 8 e amplierà ulteriormente il range di dispositivi su cui approderà.

L’azienda promette compatibilità con dispositivi con schermi da 4 a 80 pollici, dagli smartphone in su. Ci vorrà del tempo, le prime versioni ad essere rilasciate saranno quelle per desktop e laptop, ma i piani di Microsoft sono a lunghissimo termine. Windows 10, per stessa ammissione dell’azienda, avrà un’aspettativa di vita di almeno 10 anni.

Il pulsante Start

pulsante-start-windows-10

A grande richiesta torna anche il pulsante Start, ovviamente in una versione rivista e corretta che promette di mettere d’accordo gli utenti storici di Windows e quelli che si sono affacciati all’universo di Microsoft soltanto di recente con Windows 8 e Windows 8.1.

Esattamente come visto nei video diffusi nelle ultime settimane - sì, Microsoft non è riuscita a sorprenderci, se non sulla scelta del nome - il pulsante Start unirà la vecchia visualizzazione e i tile di Windows 8: da un lato ci saranno le varie opzioni e scorciatoie, dall’altro i tile animati. Un buon compromesso, no?

Task View e i desktop virtuali

desktop-virtuali-windows-10

L’altra grande nuova funzionalità di Windows 10 è il pulsante Task View, quello che ci permetterà di visualizzare a colpo d’occhio tutti i file e le applicazioni aperte, simile in tutto e per tutto al Mission Control di Apple, chiamato Exposé fino al 2003. Vi basterà cliccare sull’apposita icona per disporre in ordine tutto quello che avete aperto e passare facilmente da un’app a un’altra.

Lo stesso pulsante vi farà gestire i vari desktop virtuali che potrete creare in Windows 10, proprio come accade su Mac OS X: il funzionamento è lo stesso, cambia soltanto il posizionamento delle varie opzioni.

Snap

snap-windows-10

Windows 8 aveva portato con sé tante novità, ma aveva detto addio a funzionalità a cui gli utenti si erano abituati nel corso degli anni, funzionalità davvero pratiche come Snap, che permetteva di ridimensionare le finestre aperte semplicemente trascinandole verso il bordo dello schermo.

Microsoft ha deciso di ascoltare gli utenti e ha anticipato che questa funzionalità farà ritorno in Windows 10, in una versione migliorata con un layout a quadrante che permetterà di avere fino a quattro finestre nella stessa schermata e ci aiuterà a scegliere anche tra le applicazioni già aperte.

Data di uscita

windows10

Windows 10, come dicevamo, è ancora in una fase embrionale di sviluppo, ma Microsoft ha già lanciato il programma “Insider” che dà la possibilità agli utenti che vorranno provare in anteprima questa nuova versione potranno farlo, tenendo bene in mente, però, che bug e malfunzionamenti non saranno occasionali.

Microsoft ha confermato che la versione finale di Windows 10 arriverà negli ultimi mesi del 2015, ma non è escluso che una versione consumer preview possa arrivare nel primo trimestre del 2015, subito dopo la nuova conferenza Build di Microsoft.

  • shares
  • Mail