Microsoft, il nuovo sito MSN è online

MSN, un marchio che resuscita e diventa una Home per consolidare tutti i servizi di Microsoft in un solo "luogo" su Internet

MSN e MSN Home

AGGIORNAMENTO
Come aveva preventivato (e avevamo avuto modo di vedere qualche giorno fa), Microsoft ha completamente rinnovato il sito MSN, un brand che ha riportato indietro dal mondo dei morti.

Il sito dovrebbe raggiungere 425 milioni di utenti mensili, e declinarsi in una batteria di app per Windows Phone 8.1

In alto troverete tutti i servizi che Microsoft ha deciso essere importanti per l’utente medio, suoi e di altri. Avremo Outlook, Office, OneNote, OneDrive, Skype, Facebook e l’immancabile Twitter. Sotto invece sarà spazio dedicato a news suddivise in macrocategorie come Money, Sport e Food and Drink. Sarà possibile personalizzare le proprie attività e interessi, e seguirli anche sui device iOS e Android.

Dal punto di vista del coding, ci troviamo di fronte a app costruite completamente nell’ambiente Azure, una tappa necessaria per una corporation che punta tutto sul cloud come Microsoft oggi. Bing sarà presente tra le app MSN, ma gli altri applicativi saranno portati sotto all’ombrello MSN. Non mancano le nuove collaborazioni importanti, perché Microsoft è partner di The New York Times, The Wall Street Journal, The Washington Post, CNN, AOL e Condé Nast per citare solo gli Stati Uniti, e sta stringendo accordi in tutto il mondo per portare news e contenuti ai suoi utenti.

8 settembre 2014

Microsoft riporta in vita il marchio MSN e mette in secondo piano Bing


MSN e MSN Home

L’incostanza di Microsoft ha qualcosa di leggendario: il walzer costante della preminenza fra i suoi prodotti è un po’ ridicolo, ma con il cambio del timoniere, cambia anche il modo di intendere il futuro dell’azienda.

Quindi Bing, dopo anni di infruttuosa lotta per sconfiggere Google al suo stesso gioco, viene messo in panchina e ritorna il marchio MSN, che qualche anno fa è stato accantonato per favorirne un altro, quello di Windows Live: un’altra sconfitta, che già allora rappresentava il desiderio di uniformare tutti i servizi di Redmond e renderli riconoscibili sotto lo stesso brand. E dire che Microsoft ha appena eliminato le ultime vestigia di MSN Messenger!

Comunque Bing non si chiamerà di nuovo MSN Search, a quanto ne sappiamo. Satya Nadella non è arrivato fino a quel punto…. Però le app News, Sports, Travel, Weather e Finance verranno tutte ribattezzate, per accogliere “MSN” nel nome. E non solo, saranno anche destinate a “riprodursi” generando delle app per Android e iOS, sulle piattaforme degli acerrimi rivali, insomma. E come tocco di grazia, MSN recupera la farfalla accanto al proprio nome.

A Redmond si studia il metodo per rendere Microsoft totalmente multipiattaforma, e si rinuncia a cercare di convincere tutti gli utenti a scegliere l’ecosistema della corporation sopra a quello di tutti gli altri.

Una nuova home


MSN e MSN Home

MSN ha anche inaugurato il suo nuovo portale, o home page, o come preferiate chiamarla. Si tratta di una preview di quello che dovrebbe essere il futuro di questo brand.

Vista così, sembra più che altro fare il verso alla prima pagina di una testata giornalistica traslata in forma telematica. Ci vedo poche differenze dalla home del Corriere, per fare un esempio, con molte news e un’intera barra di argomenti. Che sono proprio quelli a cui siamo abituati in mille altre piattaforme: notizie, intrattenimento, sport, money, salute&benessere, food, viaggi e l’immancabile sezione di video. Queste categorie sono completamente personalizzabili dall'utente, che può "giocare" con la propria home come preferisce.

Non è la sola differenza da un Huffpo qualsiasi, perché c'è qualcosa d'altro posizionato in cima alla pagina - si può accedere con il proprio account Microsoft e c’è tutta una barra dedicata ai servizi di Redmond: Office, OneDrive, la posta di Outlook - e non solo, ci sono anche Facebook e Twitter, ospitati senza alcuna remora.

Questa mossa di Microsft ci sorprende. Il balletto di brand e servizi entra in una nuova fase, una di consolidamento di offerte e prodotti sotto a un unico ombrello. Questo ce lo aspettavamo, in un certo senso - ma non certo sotto al nome MSN.

  • shares
  • Mail