Come e perché Twitter è stato inaccessibile

Twitter DNS Disruption Tra le 00:46 e le 2:00 (calcolando l'ora italiana) di ieri Twitter è stato sotto attacco e i disagi si sono protratti a lungo nella mattinata: a confermare e spiegare dettagliatamente l'origine del problema è stato lo stesso Biz Stone, che ha chiarito anche come l'attacco non abbia avuto conseguenze sugli utenti.

Nello specifico si è trattato di un tentativo di defacing della piattaforma – che ha causato il redirect degli accessi a un sito inaccessibile – che non ha riguardato i dati personali degli iscritti: Twitter ha subito un attacco di DNS Disruption che ha coinvolto Dynect (il provider che offre questo servizio all'azienda).

Circa 23 ore fa Jason Goldman ha annunciato la risoluzione definitiva del problema, benché gli utenti abbiano impiegato più tempo per tornare a un utilizzo regolare di Twitter: i disagi maggiori hanno riguardato quanti usufruiscono delle API, perché le stesse hanno causato la compromissione di tutti i servizi correlati. La buona notizia – come accennavo poc'anzi – è che non sono stati sottratti i dati sensibili dei profili.

  • shares
  • Mail