Windows Store: rimosse 1.500 app ingannevoli

1.500 app ritenute ingannevoli sono state rimosse da Windows Store: Microsoft restituirà i soldi.

windows-store

Con la volontà di fornire ai possessori dei suoi sistemi operativi un'esperienza più chiara, Microsoft ha rimosso 1.500 app da Windows Store, annunciando anche cambiamenti per il modo in cui le applicazioni verranno accettate all'interno del marketplace da qui in avanti.

Nel dettaglio, l'azienda di Redmond è intenzionata a fare in modo che le app non finiscano per ingannare gli utenti coi loro nomi, attraverso una prassi abbastanza comune con cui gli sviluppatori hanno chiamato i loro prodotti con l'intento di generare appositamente confusione in chi visita il Windows Store.

Leggi anche: Dropbox Pro si rinnova, 9,99 euro al mese per 1 TB di spazio

Da questo momento, dunque, il processo di approvazione su Windows Store controllerà anche che le applicazioni abbiano nomi che "riflettano chiaramente e accuratamente la loro funzionalità", e che le stesse app siano categorizzate a dovere rispecchiando la loro utilità. Anche le icone saranno oggetto d'analisi, per accertarsi che non siano uguali o simili a quelle di altre app.

Insieme alla rimozione delle 1.500 app di cui sopra, Microsoft ha anche annunciato che restituirà ai propri utenti i soldi spesi per l'acquisto di app ingannevoli, avvenuto per errore mentre essi ne cercavano di altre.

Via | Thenextweb.com

  • shares
  • Mail