ICReach, il "Google" della NSA con i dati personali di americani e stranieri

Altri documenti usciti dai faldoni informatici trafugati da Edward Snowden gettano luce sull'ennesimo "piano malefico" dell'NSA: un motore di ricerca per le persone, e per i loro dati

screen-shot-2014-08-26-at-11-45-49-620x464

Edward Snowden, come ormai sappiamo bene, ha perso il controllo del suo patrimonio di file e rivelazioni interessanti. Diverse copie di questo plico informatico sono state passate a individui fidati nel mondo, e pian piano è da essi - probabilmente in maniera lenta, concordata - vengono alla luce nuovi dettagli sulle attività di spionaggio dell’NSA. Recentemente, Edward Snowden è stato intervistato in Russia dove ha parlato della propria scelta e delle sue scoperte.

Il più recente rapporto riguarda invece ICReach, una sorta di motore di ricerca condiviso da tutte le agenzie di intelligence statunitensi, che è stato subito equiparato a una sorta di Google dei dati personali.

Partner del progetto sono NSA, FBI, CIA, DEA e alcune altre agenzie locali di law enforcement. Considerato che una massa di circa 850 miliardi di registri sono conservati in essa, tra i quali telefonate, mail, posizioni di smartphone e cellulari e chat su servizi di messaggistica istantanea, è davvero degno di stupore che tale “elefante in salotto” non sia stato scoperto prima.

La parte peggiore della storia è che questi rapporti riguardano sia cittadini stranieri che statunitensi che non hanno mai partecipato ad attività di tipo criminoso, e non ci sono neppure fondati sospetti su di esse. Si tratta di un meccanismo di controllo indiscriminato e potente, che ogni giorno analizza 5 miliardi di singole registrazioni tra quelle suddette.

Sono oltre 1.000 gli analisti con i permessi necessari per usare ICReach, disseminati in 23 agenzie statunitensi. Secondo i dati venuti alla luce, questo motore di ricerca è una riunione sotto un singolo “tetto” di un certo numero di singoli sistemi di monitoraggio che sono stati autorizzati sin dall’era di Reagan. Teoricamente, però, tali sistemi erano pensati per spiare gli stranieri, e non avrebbero dovuto essere rivolti contro gli statunitensi. Dopo l’Undici Settembre sono cambiate molte cose.

Via | The Intercept

  • shares
  • Mail