La visione sulla privacy del CEO di Google Eric Schmidt

La visione sulla privacy del CEO di Google Eric SchmidtIl recente lancio di Google Public DNS ha scatenato sulla rete una nuova serie di polemiche sull'intenzione più o meno reale di Google di voler diventare il Grande Fratello (non quello della TV) del web e non solo.

Interessante a questo proposito è l'intervista rilasciata dal CEO di Google Eric Schmidt ai microfoni dell'emittente CNBC, di cui è possibile vedere il video su Gawker. Il caro Eric ha fatto capire senza mezzi termini di ritenere che per fare in modo che la propria società non invada la privacy delle persone, queste dovrebbero semplicemente evitare di compiere azioni che non vogliono far sapere in giro.

Tale poco condivisibile parere potrebbe anche rientrare nella sfera delle semplici opinioni se Schmidt stesso non avesse nel 2005 impedito a CNET di pubblicare informazioni personali su sé stesso provenienti proprio dal motore di ricerca Google, incluso lo stipendio, gli hobby e le amicizie politiche, insieme a presunte scappatelle extraconiugali.

Forse potrebbe essere il caso di iniziare a preoccuparsi seriamente, che ne dite? Che fine ha fatto il motto Don't Be Evil?

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
23 commenti Aggiorna
Ordina: